Ceppitelli: “Inter, potevamo chiuderla anche prima! Il gol di Perisic…”

Articolo di
1 marzo 2019, 23:46
Luca Ceppitelli

Luca Ceppitelli – difensore e capitano del Cagliari -, intervistato dai giornalisti presenti nella Mixed Zone dello Stadio “Sardegna Arena”, tra cui l’inviato di Inter-News.it Riccardo Spignesi, commenta la fondamentale vittoria sull’Inter, arrivata anche grazie al suo zampino in occasione dell’1-0

REAZIONE CAGLIARI – Protagonista contro l’Inter, capitan Luca Ceppitelli guarda già oltre: «Sì, è una vittoria importantissima per la storia del Cagliari, ma soprattutto per questo campionato, perché avevamo bisogno di questa vittoria e di questi punti per il morale e per dare forza al grande lavoro che stiamo facendo. Non abbiamo mai mollato, le ultime prestazioni lo stanno dicendo, perché nel momento di difficoltà abbiamo tirato fuori il carattere. Oggi l’abbiamo ripetuta e abbiamo fatto questa vittoria che direi fondamentale. Potevamo per assurdo chiuderla prima ed essere anche più tranquilli, bisogna imparare anche da questi errori e capire che non possiamo arrivare sempre con l’acqua alla gola fino all’ultimo minuto, però l’importante poi è il risultato: la prossima volta andrà sicuramente meglio anche da questo punto di vista. Secondo me va dato atto a questo gruppo che lavora sempre al massimo, ci ha sempre creduto, nonostante le difficoltà che possono accadere in stagione. L’importante è non mollare mai e credere nel lavoro che stiamo facendo: ci abbiamo creduto e abbiamo messo in campo tutti noi stessi, nonostante le difficoltà, le assenze e qualsiasi altra cosa, ci siamo compattati e queste prestazioni vengono per questo motivo».

GOL O NON GOL – Ceppitelli si è visto “annullare” il gol del vantaggio sul tabellino dei marcatori: «Io spero che il gol sia mio perché la palla l’ho toccata, probabilmente l’ha toccata anche Ivan Perisic dopo di me. La Lega Serie A l’ha attribuito a Perisic? Peccato (ride, ndr): io l’ho sfiorata la palla, ma l’importante è che la palla sia entrata. Probabilmente la partita di domenica contro il Bologna è molto più importante anche di questa, che ci deve dare la spinta giusta per affrontarla, perché domenica ci giochiamo tanto: è uno scontro diretto, per noi è fondamentale portare a casa il risultato e il massimo di punti per andare avanti nella stagione in maniera più tranquilla. Stasera possiamo dormire sogni un pochino più tranquilli del solito. A prescindere dalla fascia, si prova una gioia immensa perché l’abbiamo cercata e trovata, quindi quella è la cosa più importante che ci dà grande forza. Leonardo Pavoletti è più forte di me di testa, l’ho sempre detto (ride, ndr). Pure di piede, oggi ha fatto un grandissimo gol: penso non si può negare che anche di piede sia un grandissimo attaccante (ride, ndr). Per me è cambiato che siamo stati bravi a non cambiare nulla, nel senso che nel mettere in campo il massimo che potevamo mettere, con l’atteggiamento giusto, i fischi a volte vanno accettati perché possono accadere, abbiamo cercato insomma di tramutarli in applausi, ora speriamo che queste prestazioni ci diano grande sostengo anche da parte del pubblico».

Fonte: Inter-News.it

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE