Pagelle

Sassuolo-Inter, le pagelle: Dzeko vince da solo, 8! De Vrij prende la metà

Sassuolo-Inter è terminata 1-2. La rimonta nerazzurra porta nuovamente la firma di Dzeko, che segna e procura il rigore decisivo poi realizzato da Lautaro Martinez. Inzaghi interviene dopo meno di un’ora (giocata davvero male da tutti) con i cambi, che risultano decisivi. Mai così male la difesa guidata da de Vrij. Di seguito le pagelle di Sassuolo-Inter

SAMIR HANDANOVIC 7 – Il migliore nel primo tempo e non è un complimento per i compagni. Intuisce il rigore di Berardi ma non riesce a intercettarlo. Para tutto il resto e forse deve ringraziare l’arbitro per la decisione che precede l’intervallo, perché l’erroraccio di de Vrij rischia di pagarlo lui con un rosso per lo scontro con Defrel. Bene anche nel secondo tempo.

Sassuolo-Inter, le pagelle dei difensori: de Vrij irriconoscibile

MILAN SKRINIAR 4.5 – Soffre l’uno contro uno con l’imprendibile Boga, ma probabilmente le colpe sono più di chi lo costringe costantemente a questo duello impari. Il rigore causato è l’emblema della sua serata: la ciliegina sbagliata su una torta immangiabile. Per fortuna la ripresa è meno complicata per tutti.

STEFAN DE VRIJ 4 – Mai visto così in difficoltà in maglia Inter. Riesce a sbagliare praticamente tutto ed è solo un caso che non sia lui a causare il rigore. Rispetto a Skriniar, migliora leggermente nel seconda frazione di gara, anche perché sarebbe impossibile fare peggio. Resta la macchia di una bruttissima prova individuale.

ALESSANDRO BASTONI 5 – Fa meno danni degli altri ma non si salva per nessuna ragione. Se la difesa dell’Inter soffre così tanto il problema è di reparto. Esce perché è l’unico ad avere un backup in grado di far cambiare marcia all’Inter

– Dal 57′ FEDERICO DIMARCO 6 – Inizia da terzo sinistro in difesa e finisce da quinto sinistro a centrocampo. E fa del suo meglio (senza doversi incaricare di battere il rigore decisivo, stavolta…). Più di un jolly per Inzaghi.

Sassuolo-Inter, le pagelle dei centrocampisti: Perisic al top

DENZEL DUMFRIES 5.5 – Mezzo voto in più perché nel primo tempo è l’unico a creare pericoli a ridosso dell’area del Sassuolo, probabilmente senza nemmeno capacitarsi di come arriva sul fondo. Ancora troppo disordinato tatticamente e infatti Inzaghi lo toglie prima che la partita possa complicarsi ulteriormente.

– Dal 57′ MATTEO DARMIAN 6 – Fa recuperare quell’equilibrio che mancava da qualche uscita a destra, permettendo a Perisic di fare la differenza sull’altra fascia. Nel suo piccolo, utile come pochi.

NICOLÒ BARELLA 6.5 – Sbaglia troppi palloni e se il Sassuolo passa in vantaggio è anche colpa sua. Poi prova a rimediare. A centrocampo spicca perché gli altri fanno peggio, ma l’Inter ha bisogno di una mezzala concreta. Meno sombreri e più lucidità, soprattutto se il risultato è da recuperare.

MARCELO BROZOVIC 6.5 – Prestazione discreta, né eccezionale né mediocre come di recente. Nell’ultima mezz’ora prende in mano il reparto e il filtrante per Dzeko, in occasione del fallo da rigore, ne è la dimostrazione. E solo quello vale mezzo voto in più. Deve ritrovare continuità per 90′.

HAKAN CALHANOGLU 5 – Ormai è abbonato a questo voto e non sembra fare molto per cambiare la situazione. La speranza è che la sosta internazionale possa restituirlo meglio dell’ultima volta.

– Dall’57 ARTURO VIDAL 6.5 – Torna in campo per ridare un po’ di concretezza alla linea mediana e ci riesce a modo suo. Pressa tutti e si batte su ogni pallone. Nonostante non sia al top della forma, non delude assolutamente.

IVAN PERISIC 7 – Prende in mano la squadra nella ripresa, quando trova subito l’assist perfetto per il neo entrato Dzeko. Il pareggio lo carica e a tratti sembra imprendibile. Gli manca solo il gol ma oggi è insostituibile per l’Inter, in qualsiasi ruolo.

Sassuolo-Inter, le pagelle degli attaccanti: Dzeko decisivo

LAUTARO MARTINEZ 6.5 – Primo tempo da dimenticare, poi cresce. Merito solo dell’ingresso di Dzeko? A quanto pare sì. Nella ripresa è completamente un altro calciatore, per qualità ma soprattutto quantità. Il pallone dagli undici metri è pesantissimo, eppure batte forse il miglior rigore della sua carriera finora. Cala notevolmente nel finale a livello di lucidità.

– Dall’89’ DANILO D’AMBROSIO SV – Torna in campo dopo tempo per aiutare a difendere il risultato nei 5′ finali.

JOAQUIN CORREA 5 – Impalpabile. La prestazione è incommentabile ed è il caso di porsi una domanda: sta bene? Da come cammina/corre non si direbbe. Un errore schierarlo titolare.

– Dal 57′ EDIN DZEKO 8 Entra e segna l’1-1 dopo nemmeno trenta secondi. Poi si guadagna il rigore dell’1-2. E infine segna l’1-3, ma è in leggero fuorigioco. Definirlo decisivo è riduttivo: ha vinto la partita da solo. Salvezza. Il migliore in campo.

Il voto all’allenatore: il quadruplo cambio è decisivo

SIMONE INZAGHI 6.5 – Azzarda con Correa. Forse anche con Dumfries. Il poker di sostituzioni al 57′ è la scossa che serviva a un’Inter terribile sia a livello individuale sia collettivo. Forse il gol-lampo di Dzeko è frutto del caso, ma l’abbondante mezz’ora finale no. Reazione giusta, rimonta meritata. Il risultato sta stretto all’ottimo Sassuolo, penalizzato più dagli episodi che dalla prestazione in sé, ma questo non è un problema di Inzaghi. Tre punti che sanno di relax.

I voti degli avversari: il Sassuolo di Alessio Dionisi

SASSUOLO: Consigli 5; Muldur 6, Chiriches 6, G. Ferrari 5.5, Rogerio 6; Maxime Lopez 7, Frattesi 6 (dall’86’ Scamacca SV); D. Berardi 7, Djuricic 6 (dal 75′ H. Traoré 6), Boga 7.5; Defrel 6.5 (dal 64′ Raspadori 6). All. Dionisi 6.5

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button