PagellePrimo Piano

Lazio-Inter, pagelle: Brozovic 4 dal 1′, Darmian dal 69′. Inzaghi addirittura da 3!

Lazio-Inter termina 3-1. Prestazione dimenticare per la squadra di Inzaghi a Roma, dove il tris degli uomini di Sarri riassume bene la serata da dimenticare. Malissimo tutti ma il peggiore è proprio in panchina. Si “salva” solo Lautaro Martinez, autore del gol del pareggio che illude. Di seguito le pagelle di Lazio-Inter in Serie A

SAMIR HANDANOVIC 5 – Particolarmente concentrato, soprattutto quando capisce che sarà una serata in cui tenere la porta inviolata può essere un’impresa. Impresa che non riesce. Felipe Anderson lo fulmina. Luis Alberto e Pedro di più. Passivo pesante nonostante qualche parata.

Lazio-Inter, pagelle – DIFESA

MILAN SKRINIAR 5 – Un muro che non ha paura di nessuno. Come quando mette la testa sulla bella conclusione di Zaccagni, salvando in corner. Poi non può nulla quando la squadra crolla. Ed è un blackout collettivo non salvabile.

STEFAN DE VRIJ 5 – Partita in cui sono giustificati i fischi sia degli ex tifosi sia dei tifosi attuali. Gira tutto male. Il tris di Pedro lo dimostra. Vive serate migliori.

ALESSANDRO BASTONI 4.5 – Se Dimarco ha dieci colpe sull’1-0 della Lazio, il numero 95 ne ha venti. Colpevole dello svantaggio e poco preciso in tutte le giocate sia offensive sia difensive. Dietro giocano tutti male ma è il peggiore del terzetto.

Lazio-Inter, pagelle – CENTROCAMPO

DENZEL DUMFRIES 6.5 – L’unico a salvarsi a centrocampo. Soprattutto nel primo tempo, quando prova a fare il suo mentre gli altri dormono. Si esalta nelle mischie, come dimostrato dall’assist per Lautaro Martinez. Perché Inzaghi lo sostituisce?

– Dal 69′ MATTEO DARMIAN 4 – Mai entrato così male. Partecipa all’uno-due biancoceleste senza capire cosa stia succedendo. Frastornato.

NICOLÒ BARELLA 4.5 – Il voto è una media tra il 5 pieno e le uniche 4 giocate che indovina in una partita sottotono come poche. Senza Calhanoglu dovrebbe fungere anche da mezzala offensiva, invece è uno in meno.

– Dal 77′ HAKAN CALHANOGLU 6 – La sufficienza non è possibile ma ci sta. Anche come risarcimento morale. Perché almeno prova a giocare a calcio. Inzaghi gli nega la titolarità e dovrà spiegare per bene perché.

MARCELO BROZOVIC 4 – Continua la sua stagione da compitino. In mezzo al campo è un numero. Correre a vuoto serve solo a dare lavoro ai data analyst, perché alla fine ne esce una prestazione inqualificabile per un calciatore del suo livello. Irriconoscibile.

ROBERTO GAGLIARDINI 5 – Se l’idea di Inzaghi è quella di schierarlo per limitare Milinkovic-Savic, l’azione dell’1-0 dimostra che è un’idea inutile. Dovrebbe essere il protagonista di una partita sporca, in realtà è il protagonista di una non-partita. E non per colpa sua.

– Dal 77′ JOAQUIN CORREA 5.5 – Entra bene. Peccato che la partita finisca nel giro di pochi minuti. Attaccante senza ruolo e senza compiti. E in un certo senso, senza… senso. Alla fine non è nemmeno colpa sua…

FEDERICO DIMARCO 5 – Croce e delizia della fascia sinistra nerazzurra. Assolutamente nullo in marcatura in occasione del gol di Felipe Anderson, particolarmente pericoloso sulla punizione che crea i presupposti per il pareggio di Lautaro Martinez. Gli errori da “difensore” continuano a essere troppi.

– Dal 69′ ROBIN GOSENS 5 – Fare peggio del Dimarco visto a Roma sembra impossibile, ma si impegna per riuscirci. Mai in partita. Eppure si sapeva che non sarebbe potuto essere al 100%.

Lazio-Inter, pagelle – ATTACCO

ROMELU LUKAKU 5 – Nel primo tempo si gode la partita sbagliando i pochi palloni toccati e non sfruttando al meglio gli unici due cross ricevuti. Si sveglia esattamente dopo un’ora di gioco. Giusto in tempo per uscire dal campo dopo una partita anomina.

– Dal 69′ EDIN DZEKO 5 – Gioca? Se la risposta è sì, forse è il caso di rivedere la sua prestazione attraverso gli highlights. Perché non si sente né si vede nel finale di partita.

LAUTARO MARTINEZ 7 – Esagera quando prova il gol da centrocampo. Più che altro perché esce fuori un tiraccio. Il gol, invece, è rapina pura. L’unico a rendersi pericoloso. Il voto è d’incoraggiamento: i tre compagni di reparto nemmeno ci provano ad aiutarlo e a segnare, il numero 10 argentino non delude. Il migliore.

Il voto dalla panchina – ALLENATORE

INZAGHI 3 – Schiera la formazione che gli dà più sicurezza, preferendo Gagliardini a Calhanoglu. Scelta che paga fino all’ultimo. Legge anche peggio la partita, come dimostrato dai cambi che non cambiano la partita. Anzi, la peggiora notevolmente. E la perde malissimo. Sente troppo la partita da ex laziale all’Olimpico? Allarmante. Il peggiore.

Le pagelle degli avversari: la Lazio di Sarri

LAZIO: Provedel 6.5; Lazzari 7 (dal 71′ Hysaj 6.5), Patric 7, A. Romagnoli 7, Marusic 6.5; S. Milinkovic-Savic 7.5, Cataldi 7 (dall’83’ Marcos Antonio SV), Vecino 5.5 (dal 58′ Luis Alberto 8); Felipe Anderson 7.5 (dall’83’ Cancellieri SV), Immobile 6.5, Zaccagni 6.5 (dal 58′ Pedro 7.5). All. Sarri 7

IN PRECEDENZA – Vedi pagelle di Inter-Spezia (Serie A).

Seguici sui social per restare sempre aggiornato

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh