Pagelle

Inter-Atalanta, le pagelle: Barella non può fare tutto da solo! Skriniar e Brozovic da 5

Inter-Atalanta è terminata 2-2. Troppi episodi da una parte e dall’altra, gli errori non mancano né in campo né in panchina. Barella regge da solo l’Inter, che affonda in difesa con Handanovic e Skriniar. Male anche Brozovic e non solo. Prestazione non all’altezza dell’avversario formato Champions League. Di seguito le pagelle di Inter-Atalanta

SAMIR HANDANOVIC 4.5 – Non si muove mai nelle prime conclusioni dell’Atalanta, ma finiscono a lato e va bene così. Poi Malinovskiy gli dà lavoro tre volte: non riesce a opporsi al gol dell’1-1, è pessimo nella respinta centrale che porta all’1-2 di Toloi e da fermo osserva la palla rimbalzare sul palo su punizione diretta. La fa grossa rimettendo in gioco il pallone che porta al 2-3 di Piccoli (da rivedere anche la “parata”…) ma per fortuna il VAR annulla, assegnando il calcio d’angolo. Il peggiore.

Inter-Atalanta, le pagelle dei difensori: episodi fatali

MILAN SKRINIAR 5 – Sbaglia la marcatura nell’azione dell’1-1 e il fuorigioco in quella dell’1-2. Episodi sfortunati, non errori da matita blu ma comunque errori che condizionano negativamente la partita dell’Inter e la sua prestazione. Non riesce a rialzare il livello dopo il doppio errore.

STEFAN DE VRIJ 5.5 – Sfortunato nel rimpallo che permette a Malinovskiy di andare al tiro che porta al pareggio, poi prova a reggere contro avversari fisicamente fastidiosi.

ALESSANDRO BASTONI 6 – Meglio dei due compagni di reparto ma non per meriti propri, finché non sbroglia una situazione che avrebbe portato all’1-3 già a inizio ripresa.

– Dal 57′ FEDERICO DIMARCO 6 – Subito pericoloso da fermo con i soliti corner tesi. Non deve fare praticamente nulla in difesa quando l’Atalanta decide di non attaccare più, ma c’è il suo zampino in ogni azione offensiva dell’Inter, come in occasione del 2-2. Pesante l’errore dal dischetto che gli vale un voto in meno, ma la traversa ancora trema e non può essere colpa sua se compagni più esperti non riescono a prendersi una responsabilità simili.

Inter-Atalanta, le pagelle dei centrocampisti: si salva solo Barella

MATTEO DARMIAN 5.5 – Non si vede praticamente mai, tant’è che nel primo tempo il quinto destro di Inzaghi sembra essere Barella. Gosens non fa grandi cose, ma all’Inter manca soprattutto la spinta su quella fascia.

– Dal 57′ DENZEL DUMFRIES 6 – Ormai è diventata la variabile impazzita dell’Inter sulla fascia destra, perché nessuno sa cosa può fare sia in progressione sia quando ha il pallone tra i piedi. Dal suo cross arriva il fallo di mano di Demiral che avrebbe portato al 3-2 su rigore, poi sbaglia il disimpegno difensivo che regala il 2-3 (annullato). Croce e delizia.

NICOLÒ BARELLA 7.5 – L’assist dell’1-0 è un capolavoro, così come la sua prestazione solo contro tutti. I compagni non lo aiutano, gli avversari non riescono a limitarlo. Non può fare tutto da solo, però. Il livello da medio-alto con Conte sta diventando solo alto con Inzaghi, qualcuno in società dovrebbe rendersene conto… Va aiutato. Il migliore.

– Dall’89 MARTIN SATRIANO SV – Entra a freddo pensando di dover cercare il gol del 3-3 ma si ritrova sul 2-2, senza poter fare altro.

MARCELO BROZOVIC 5 – Malissimo nel primo tempo, quando è più prezioso nel salvare un gol già fatto che nel costruire la manovra. A differenza di quanto successo a Firenze, non cresce nella ripresa e non riesce a essere decisivo. Manca il suo apporto in mezzo al campo.

HAKAN CALHANOGLU 5 – Fa più lavoro di quantità che di qualità. E questo alla lunga diventa un problema, se sbaglia ogni giocata a supporto in zona di rifinitura. Il gioco sporco non paga, per la sufficienza serve il jolly.

– Dall’57 MATIAS VECINO 7 – Entra benissimo ed è subito pericoloso. L’uruguayano da mezzala è la vera mina vagante messa in campo da Inzaghi in coppia con Dumfries per insistere sul lato – inaspettatamente – debole dell’Atalanta.

IVAN PERISIC 6 – Prestazione dai due volti. Inizia bene e sembra poter essere la sua serata sulla fascia sinistra, poi si spegne e si riattiva solo quando la partita sembra sfumare. Non riesce a trovare al giocata vincente.

Inter-Atalanta, le pagelle degli attaccanti: bene solo i gol

LAUTARO MARTINEZ 6.5 – Segna alla prima occasione un gol splendido, poi la prestazione non riesce a essere un crescendo. Nella ripresa spreca la palla del pareggio per la doppietta personale.

– Dall’81’ ALEXIS SANCHEZ 5.5 – Non riesce a fare la differenza nei pochi minuti a disposizione, pur avendo qualche spunto. Il piede è l’unica dote che può permettergli di fare la differenza rispetto agli altri. Ma non batte nemmeno il rigore…

EDIN DZEKO 6 – Spreca malamente la prima occasione dopo nemmeno 3′ e purtroppo si ripete poco dopo, sbagliando tutto ciò che può sotto porta. I movimenti – senza reti – non bastano e infatti la sufficienza arriva solo grazie al pareggio, prezioso e forse ormai insperato. Ma gli errori da “punta” restano troppi.

Il voto all’allenatore: il non-rigorista è un errore

SIMONE INZAGHI 5.5 – Un punto guadagnato o due persi? A giudicare dalla prestazione, la prima. Ma per gli episodi, senza dubbio la seconda. Più che i cambi (abbastanza azzeccati per scelte e tempi), pesa l’errore dal dischetto. Se l’Inter non ha un rigorista designato, la colpa principale è dell’allenatore. E quindi sono due (importanti) punti persi, malamente.

I voti degli avversari: l’Atalanta di Gasperini

ATALANTA: Musso 6.5; Toloi 7, Palomino 6.5 (dal 70′ Maehle 6), Demiral 6; Zappacosta 6.5 (dal 77′ Pasalic SV), Freuler 6, de Roon 6, Gosens 5.5; Pessina 5.5 (dal 63′ Djimsiti 5.5); D. Zapata 6 (dal 63′ Piccoli 6.5), Malinovskyi 8 (dal 63′ Ilicic 6). All. Gasperini 6

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button