Moviola

Moviola Inter-Juventus: sul rigore la colpa è soltanto di Dumfries

Inter-Juventus ha avuto Maurizio Mariani come arbitro della partita: questa la moviola dell’incontro valido per la nona giornata di Serie A 2021-2022 e finito 1-1. Di seguito la valutazione del fischietto della sezione di Aprilia, dei suoi assistenti e degli addetti al VAR.

MOVIOLA INTER-JUVENTUS, PRIMO TEMPOMaurizio Mariani voto 6.5. Le discussioni saranno infinite, come sempre succede in questa partita, ma se un giocatore fa una sesquipedale stupidaggine in area non può essere colpa dell’arbitro. Al 6′ Dejan Kulusevski ferma Nicolò Barella sulla linea di fondo: manca il fallo, stride perché poi ne dà uno simile di Ivan Perisic su Juan Guillermo Cuadrado dall’altra parte (ci stava). Sulla punizione per la Juventus chiede un rigore Alex Sandro nella mischia ma non c’è nulla di scorretto nell’intervento di Edin Dzeko. Al 14′ Federico Bernardeschi è in fuorigioco, l’assistente lascia proseguire l’azione (giusto) e il numero 20 si fa male alla spalla, ma senza che Matteo Darmian abbia fatto qualcosa. Con la Juventus in dieci segna l’Inter: Dzeko è in gioco sul tiro di Hakan Calhanoglu, gol buono. Primo giallo a Nicolò Barella al 40′ per un intervento in scivolata su Alex Sandro, che quattro minuti dopo fa altrettanto con lo stesso provvedimento. Chiede un rigore l’Inter allo scadere del recupero, ma Danilo da Silva colpisce di testa.

MOVIOLA INTER-JUVENTUS, SECONDO TEMPO – Non succede nulla per mezz’ora, poi Mariani grazia Federico Chiesa per un fallo su Alexis Sanchez a palla scaricata: fa proseguire ma non ammonisce a fine azione. Poi il rigore dell’1-1: il fallo di Denzel Dumfries su Alex Sandro è tanto netto quanto stupido. Una volta appurato che era sulla linea dell’area il VAR manda l’arbitro al monitor, nonostante Mariani avesse detto di proseguire, ma il fallo c’è e va assegnato. Poi espulso Simone Inzaghi per proteste.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button