Lukaku e Lautaro Martinez lottano e costruiscono, ma non basta – CdS

Articolo di
11 Dicembre 2019, 09:59
Lautaro Martinez Lukaku
Condividi questo articolo

Il “Corriere dello Sport” sottolinea la prestazione dei due attaccanti dell’Inter. Lautaro Martinez è stato il migliore, Lukaku ha creato e sbagliato.

ATTACCO PRESENTE – Lukaku aveva un doppio sogno, portare l’Inter agli ottavi di finale e cancellare l’eliminazione rimediata lo scorso anno con l’United, proprio contro il Barcellona. Lautaro, invece, dopo aver cominciato la sua clamorosa escalation proprio all’andata al Camp Nou, puntava a compiere un altro step di crescita, consacrandosi in maniera definitiva. Nulla da fare. E’ andata male a entrambi. Ma ieri sera, di fatto, l’Inter è esistita solo grazia a loro. Troppi nerazzurri, infatti, hanno steccato. Lukaku e Lautaro ci hanno prova- to fino a quando Fati ha cancellato ogni speranza. In due, hanno segnato 4 gol. Solo uno, però, è risultato valido. Gli altri, 2 del “Toro” e uno del belga, sono stati cancellati per fuorigioco.

OCCASIONI – Eppure, in tandem, e sin dal fischio d’inizio, avevano cominciato a tirare spallate alla difesa del Barca. Di tecnica e di fisico, soprattutto, nel primo tempo sono stati incontenibili. Dopo la prima rete annullata, il belga ci ha riprovato, sfruttando una ripartenza guidata da Vecino. Dentro l’area ha anche avuto il tempo di mandare a vuoto Umtiti, spostandosi il pallone sul sinistro, ma perdendo quella frazione di secondo che permetteva a Lenglet di recuperare alla disperata. Lukaku restava in cattedra, indossando però i panni di uomo-assist. Al primo tentativo, lanciava Borja Valero, che proprio non ce la faceva ad arrivare solo dentro l’area avversaria. A Biraghi, invece, spalancava la porta per un diagonale che, però, finiva sui pugni di Neto. Infine, ecco il cross recapitato sulla testa di D’Ambrosio, costretto ad una complicata torsione e ad un’incornata che finiva sul fondo.

DUE ERRORI – L’Inter, a quel punto, era già sotto. E si stava appena riprendendo dalla mazzata del gol di Carles Perez. Serviva un gol per riprendere in mano il proprio destino. Così, ci pensava il belga a infilzare Neto. Con buona parte del merito, però, da condividere con Lautaro, che difendeva il pallone in mezzo a addirittura a 6 avversari, permettendo all’ex-United di caricare il sinistro. Ci si aspettava un’Inter arrembante dopo l’intervallo. Invece, gli unici a dare l’assalto alla retroguardia blaugrana continuavano ad essere Lukaku e il “Toro”. Per fermare il secondo, Todibo e soci dovevano ricorrere alle maniere forti. L’ex-United, invece, due occasioni per colpire riusciva a costruirsele comunque. Nella prima, però, sparava colpevolmente contro Neto. Nella seconda, invece, nel tentativo di aggirare il portiere brasiliano, si trascinava il pallone sul fondo. La doppia gioia di Lautaro, come già ricordato, veniva cancellata dal guardalinee. E, alla fine, mentre Conte aggiungeva prima Politano e poi Esposito, il baby Fati gelava San Siro. Quasi come un anno fa contro il Psv Eindhoven….


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE