L’Inter deve fare attenzione ai cambi di gioco del Siviglia di Lopetegui

Articolo di
20 Agosto 2020, 11:00
Julen Lopetegui Siviglia Julen Lopetegui Siviglia
Condividi questo articolo

Il Siviglia di Lopetegui sfrutta i cambi di gioco per dare ritmo e varietà alla sua azione offensiva. Una soluzione a cui l’Inter dovrà fare molta attenzione.

ELEMENTO PARTICOLARE – Il Siviglia di Lopetegui è una squadra con un’identità di gioco ben definita. Ha certi elementi in comune col Bayer Leverkusen e lo Shakhtar Donetsk, ma un tratto del suo gioco è distintivo. Ben presente e sfruttato sistematicamente per disassare le difese avversarie. Si tratta del ricorso ai cambi di gioco.

CAMBI DI GIOCO LUNGHI – Gli spagnoli, come da tradizione, amano il possesso e l’impostazione dal basso. Non ne sono però ossessionati e non hanno problemi anche ad abbassare il proprio baricentro. O a cercare un cambio di ritmo. I lanci lunghi verticali non sono previsti vista la struttura del reparto offensivo. Quindi quando la trama di passaggi corti sull’esterno non porta a grandi sbocchi invece di tornare indietro in difesa palla a terra per cambiare lato gli uomini di Lopetegui spesso ricorrono ai cambi di gioco lunghi. I lanci da una fascia all’altra, per essere più chiari. Profondi, possibilmente, per guadagnare campo. Giocati spesso sull’esterno opposto, inteso come giocatore, sia che si tratti dell’ala che del terzino. La decisione di ricorrere a questa soluzione è rapida, apposta per sorprendere gli avversari, attirati dai passaggi corti sul lato opposto del campo.

TUTTI PRONTI – L’Inter dovrà quindi fare attenzione a non esagerare nel pressing sull’esterno. Dove il Siviglia ama portare praticamente la totalità delle sue azioni offensive. Un po’ tutti i giocatori di Lopetegui sono pronti a cambiare gioco. Dai centrali difensivi ai terzini, passando per Banega e gli esterni offensivi Ocampos e Suso. Il fatto che questi ultimi tre, che sono anche i giocatori di maggior qualità della squadra, siano schierati sulla fascia opposta al loro piede dominante li aiuta in questa soluzione. Quando rientrano sul piede forte vedono tutto il campo e possono servire chi si smarca sulla fascia opposta. Una scelta per nulla casuale.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE