Lazio-Inter, partita tra bocche di fuoco! Lukaku e Immobile si sfidano – CdS

Articolo di
15 Febbraio 2020, 10:43
Romelu Lukaku Udinese-Inter
Condividi questo articolo

Il “Corriere dello Sport” analizza la fase offensiva di Antonio Conte e Simone Inzaghi in vista di Lazio-Inter. Romelu Lukaku e Ciro Immobile guidano le avanguardie

CECCHINI – Lazio-Inter è una sfida che vale tantissimo in termini di classifica. All’Olimpico, domenica sera, saranno di fronte due squadre dal potenziale offensivo roboante. Dietro l’Atalanta (61 gol fatti), c’è la Lazio di Simone Inzaghi con 53 reti all’attivo, e sull’ultimo gradino del podio la corazzata di Antonio Conte con 48 marcature. Il gioco offensivo dei nerazzurri si appoggia in gran parte su Romelu Lukaku, sia per quanto riguarda la costruzione che la finalizzazione. Non è un caso, infatti, che il belga sia al secondo posto per passaggi chiave messi insieme: 21 contro i 25 di Luis Alberto, che cucisce e ricama per mestiere. Tuttavia, il grande lavoro di raccordo pesa anche sulle spalle di Lautaro Martinez. Mentre il belga si defila nel mezzo spazio di destra, l’argentino fa la stessa cosa dal lato opposto. L’ex Racing è più abile nella gestione del pallone in situazioni critiche ed è per questo che i due finiscono per completarsi. Va da sé che entrambe le squadre si affronteranno nel contesto migliore: l’Inter fuori casa non ha mai perso, così come la Lazio tra le mura amiche.

STILI DIVERSI – Il confronto ideologico tra i due attacchi balza all’occhio analizzando i movimenti di Ciro Immobile e Felipe Caicedo. I due attaccano in maniera più verticale la profondità, ben imbeccati dalle intuizioni del trequartista spagnolo. La Lazio è abilissma nell’alternare il palleggio ritmato al gioco lungo, passando per i cross dalle fasce. In più, il lavoro ai fianchi (che nell’Inter svolgono a turno Lautaro Martinez e Lukaku) tra i biancocelesti è svolto dal solo Immobile. Per questo, al contrario delle bocche di fuoco nerazzurre, il duetto offensivo laziale difficilmente si ritrova sulla stessa linea. Dopo l’ultimo turno di campionato, i numeri si sono riequilibrati anche in difesa. Lazio e Inter hanno entrambe la miglior retroguardia del campionato con soli 20 gol al passivo.

IMPATTO FISICO – Altro dato interessante è l’impatto fisico delle due formazioni sulla singola partita. L’Inter è prima per gol di testa da inizio campionato (16 totali, 3 a testa per Lukaku e Lautaro Martinez). La Lazio è soltanto al sedicesimo posto in questa particolare classifica: solo 4 gol segnati nel gioco aereo. Per la formazione di Antonio Conte, i cross sono una variabile offensiva cruciale. L’Inter ne ha tentati 167 in 23 partite, sbagliandone 88. Più imprecisi i laterali biancocelesti: 101 traversoni sbagliati su 137. L’Inter, infine, è anche più precisa al tiro: 54,3% di conclusione nello specchio contro il 51,4% dei ragazzi di Inzaghi.

Fonte: Corriere dello Sport – Fabrizio Patania


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE