Juventus-Inter, Conte punta su 3 mosse! Candreva batte D’Ambrosio – CdS

Articolo di
8 Marzo 2020, 10:02
Conte
Condividi questo articolo

Juventus-Inter è la sfida delle sfide, che andrà in scena stasera a porte chiuse dopo una settimana di polemiche. Secondo il “Corriere dello Sport”, il tecnico nerazzurro Conte proverà a battere la squadra di Sarri con tre mosse in particolare. Di seguito tutti i dettagli

DIFESA – Se c’è una squadra che può provare a fermare con la sua solidità difensiva i campioni d’Italia della Juventus, quella è l’Inter. Nell’ultima trasferta di A, il tecnico di Lecce si è fatto rimontare dalla Lazio, ma rispetto a quella sfida là dietro ritroverà Handanovic, il portiere capitano determinante per dare sicurezza al reparto e rimasto fuori 6 incontri per una frattura al mignolo della mano sinistra. Confermati Skriniar e de Vrij, due colonne che in questa stagione hanno giocato quasi sempre. Per la terza maglia Bastoni è avanti rispetto a Godin che alla linea a tre non si è adattato e che nella gara d’andata fu sostituto dopo 9’ della ripresa proprio da Bastoni.

MOSSA CENTROCAMPO – Un centrocampo con più corsa e meno qualità per mandare in crisi la mediana di Sarri. Già privo dell’infortunato Sensi, in mezzo al ring Conte ha deciso di rinunciare anche alla classe di Eriksen, che non è inserito alla perfezione nei meccanismi nerazzurri e che ancora non si è adattato al classico 3-5-2 dell’allenatore pugliese, per puntare su due mezzali che hanno grande prestanza atletica come Vecino e Barella. E giusto perché ha intenzione di chiedere a tutti sacrificio, pressione, lotta e grinta, accanto a Matias e Nicolò l’ex tecnico del Chelsea piazzerà pure l’insostituibile Brozovic. La mediana sarà completata dagli esterni Candreva Young: il primo è in vantaggio su D’Ambrosio.

FISICO E GOL – Insieme per cercare un’impresa che a Torino all’Inter manca dal novembre 2012. Romelu Lukaku Lautaro Martinez stasera guideranno l’attacco nerazzurro all’assalto della Juventus, un’avversaria che nessuno dei due ha mai battuto. Tra i due però in questo momento sta meglio l’ex United che nel 2020 è già a quota 9 gol segnati e che dall’inizio della stagione ha battuto i portieri avversari 23 volte. A Big Rom si appoggerà una squadra che avrà bisogno della fisicità del suo numero 9 per allentare la pressione che la Signora metterà in certi momenti del match. E il Toro? Il suo periodo è più complicato di quello del compagno non fosse altro perché l’ultima rete l’ha firmata il 26 gennaio nel confronto casalingo contro il Cagliari.

Fonte: Corriere dello Sport – Andrea Ramazzotti


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE