Inzaghi: “Champions persa 2 anni fa, sappiamo come! Lazio-Inter…”

Articolo di
15 Febbraio 2020, 14:32
Simone Inzaghi Lazio
Condividi questo articolo

Inzaghi ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Lazio-Inter. Il tecnico biancoceleste ha presentato la sfida contro i nerazzurri e risposto in maniera piccata a una domanda sulle critiche per alcuni favori arbitrali ai biancocelesti

LAZIO-INTER – Così Simone Inzaghi: «L’allenamento di oggi mi farà decidere qualche dubbio che mi porto. cercheremo di fare una grande partita nel nostro stadio davanti ai nostri tifosi. Penso che sia una partita molto importante ma non decisiva. Poi mancheranno quattordici partite che daranno tanti punti. Chiaramente darebbe una spinta in più vincere una partita del genere. Noi sappiamo bene da dove siamo partiti, da dove arriviamo e quanto abbiamo lavorato. Ci troviamo in questa posizione di classifica perché lo abbiamo meritato facendo ottime partita. Da tantissimo tempo giochiamo un ottimo calcio sapendo che non abbiamo l’ossessione di questa posizione. Sappiamo bene in testa nostra l’obiettivo di inizio stagione e per cui lavoriamo da quattro anni a questa parte».

SERIE A – A Inzaghi viene chiesto un commento sulle parole di Antonio Conte (vedi articolo): «Outsider? Penso che la Juventus sia davanti a tutti da tanti anni per programmazione e investimenti. Hanno fatto per primi lo stadio di proprietà, si stanno meritando tutto questo. Quest’anno ha trovato nell’Inter e nella Lazio due compagini forti che faranno di tutto per crearle qualche problema per il loro nono Scudetto a fila».

RISPOSTA SUI FAVORI ARBITRALI – Infine Inzaghi risponde a una domanda sulle critiche per alcuni favori arbitrali ai biancocelesti: «Penso che la Lazio stia meritando sul campo e non abbiamo più parlato di arbitri. Siamo usciti dall’Europa League per un rigore non dato sacrosanto sull’1-1 con il Celtic e in Coppa Italia a Napoli dove ci sarebbe da recriminare per ore. Giusto però guardare il presente e quello che dice la partita di domani, due anni e mezzo fa sappiamo tutti come abbiamo perso la Champions League. Per demeriti nostri e fattori non ponderabili da parte nostra. Juventus, Inter, Roma e Milan sulla carta come fatturati dovrebbero essere davanti a noi, però sulla carta ci sono scritte tante cose. A volte poi i pronostici vengono ribaltati, siamo lì con grandissimo merito e vogliamo rimanerci il più a lungo possibile. Juventus e Inter sono state costruite diversamente da noi ma col lavoro di tanti anni, la bravura di direttore e presidente e con l’aiuto del nostro splendido ambiente e dei tifosi stiamo facendo qualcosa di meraviglioso. Non dev’essere un punto di arrivo ma di partenza».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer






ALTRE NOTIZIE