Interviste

Mourinho: «Coro Inter quando non c’era più paura della Roma! Io amico»

Mourinho non dimentica il suo passato e, dopo Inter-Roma, torna sulla grande accoglienza ricevuta dal Meazza. In conferenza stampa lo Special One ringrazia ribadendo come, però, avrebbe preferito vincere (vedi articolo).

CONFERENZA MOURINHO – Questa la conferenza stampa di José Mourinho nel post partita di Inter-Roma.

Roma sconfitta dopo dodici risultati utili consecutivi. C’è qualcosa di buono?

La superiorità dell’Inter è vera e si sente, però mi è piaciuta la mia squadra. Penso che per vincere contro un’Inter al top delle sue capacità, perché un paio di mesi fa hanno avuto un periodo difficile loro, devi avere bisogno della gara perfetta. La gara perfetta sarebbe 0-1 di Mancini, che è stata la grande opportunità da gol durante un periodo in cui noi eravamo in completo controllo, non difensivo ma di una Roma che ha fatto un’evoluzione importante negli ultimi mesi. È una Roma che gioca, che ha palla, che cerca di giocare e che se non ha creato di più è perché sono bravi.

Dove si è sentita di più la differenza tra Inter e Roma?

Per me gli ultimi dieci minuti del primo tempo sono l’unico periodo dove veramente si è sentita la differenza fra le due squadre. Per perdere una partita io preferisco perderla contro una squadra forte, e l’Inter è forte. Oggi noi sappiamo giocare, siamo una squadra che sa quello che fa.

Mourinho, che effetto le ha fatto il coro dei tifosi dell’Inter?

Il cuore mi è piaciuto, perché è arrivato solo in un momento dove la gente non ha avuto paura di noi. Il cuore non è stato nel primo minuto, non è stato nel riscaldamento, non è stato al 20′: il cuore è arrivato quando loro erano tranquilli. Non era una partita facile per l’Inter, però è così che deve essere. Io sono un amico, ma per novanta minuti ero un nemico. Io volevo vincere: potrei fare il fenomeno amato dagli interisti, ma volevo vincere. È la mia natura, è così che ho vinto io con l’Inter: è la mia mentalità, io volevo vincere. Però è bello sentire che la gente non dimentica, che io sono il benvenuto qui. Voglio un giorno tornare a Roma come avversario e avere un’accoglienza simile, perché è bello.

Un giudizio di Mourinho sull’arbitraggio di Sozza?

Si possono dire tante cose, ma non voglio parlare degli episodi arbitrali avuti contro di noi in passato. Oggi voglio fare i complimenti a Sozza: per lui era una partita dura, i giocatori lo hanno aiutato.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh