Mihajlovic: “Non era il solito Bologna. Secondo gol ci ha tagliato le gambe”

Articolo di
5 Dicembre 2020, 23:13
Sinisa Mihajlovic Bologna-Cagliari Sinisa Mihajlovic Bologna-Cagliari
Condividi questo articolo

Sinisa Mihajlovic, tecnico dei rossoblu, ha rilasciato queste dichiarazioni, ai microfoni di “Sky Sport”, dopo il triplice fischio di Inter-Bologna.

AMAREZZAInter-Bologna ha lasciato Sinisa Mihajlovic con l’amaro in bocca. Il tecnico dei rossoblu ha parlato così, ai microfoni di “Sky Sport”, subito dopo il triplice fischio: «Stasera non era il solito Bologna. Forse non è passato il mio messaggio. Non abbiamo cambiato modulo perché dovevamo difenderci o non perdere, ma perché non ho giocatori offensivi. Vignato, come Barrow e Sansone (oggi indisponibile, ndr), se giocano a destra col 4-2-3-1 perdono il 30-40% della loro efficacia. Mettendoli tutti dall’inizio non avrei potuto cambiare. Il primo tempo non è stato aggressivo come avrebbe potuto essere. Mi dispiace che abbiamo preso gol. Il primo tempo è stato equilibrato, noi meno aggressivi del solito ma abbiamo rischiato poco e niente. Il secondo gol ci ha tagliato le gambe. Poi abbiamo subito preso il 3-1, dopo aver segnato con Vignato, ma va bene così. Mi dispiace perché non abbiamo fatto la partita che volevo. Il modulo non c’entra, importa l’atteggiamento e il nostro non deve cambiare. Siamo stati meno aggressivi rispetto alle partite precedenti e questo non mi sta bene».

LACUNE – Sulla mancanza di cambia adeguati, Mihajlovic ha parlato così: «Dopo il 70’ le puoi recuperare, ma devi avere qulcuno da mettere. Contento per gli esordi dei Primavera, ma abbiamo giocato a Milano con l’Inter facendo entrare diversi ragazzi della Primavera. Giochi con l’Inter, non puoi pensare di poterla recuperare. Facciamo quello che possiamo con quello che abbiamo. Veder esordire i ragazzi della Primavera è bello, ma è normale che ci sia emozione. Noi comunque dovevamo fare di più e meglio nel primo tempo. Gol presi? Tutti errori individuali. Anche se stiamo in 10 davanti alla porta, prendiamo gol. Dobbiamo capire che non possiamo giocare per non prenderlo, ma solo per farne uno in più. Non è un caso che ne abbiamo presi per 41 partite di fila. Se pensiamo solo a difendere i gol li prendiamo. Loro davanti sono forti, non è quello, ma ne abbiamo presi anche con altre aquadre. Oggi siamo stati una via di mezzo che non serve a nulla».

MERCATO – Sulla possibilità di tornare sul mercato a gennaio: «Pochi gol? Mi preoccupa – dice Mihajlovic – ma è da due anni che siamo così. Noi sappiamo che è così e cerchiamo di mandare in gol più giocatori possibili. Non abbiamo un giocatore da 15 gol a campionato, dobbiamo giocare offensivo e far fare più gol a più giocatori possibili. Abbiamo sempre giocato per vincere, va bene così per adesso. Se dobbiamo prendere qualcuno, deve essere funzionale, non tanto per prendere perché non mi piace. Sappiamo che tipo di giocatori ci serve. Altrimenti pazienza, non faccio mercato. Sono un allenatore e cerco di allenare i calciatori che ho. Se la società prende quello che ci serve tanto meglio, se no pazienza. Bisogna vedere, anche perché il mercato di gennaio è sempre difficile».




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.