Iachini: “Avuto le palle per chiuderla, peccato. Cambi Fiorentina? Forzati”

Articolo di
26 Settembre 2020, 23:45
Giuseppe Iachini Fiorentina Giuseppe Iachini Fiorentina
Condividi questo articolo

Iachini ha parlato in sala stampa al termine di Inter-Fiorentina 4-3. Il tecnico ha provato a spiegare in conferenza la sconfitta nel finale, col risultato capovolto da 2-3 a 4-3 fra l’87’ e l’89’.

CONFERENZA IACHINI – Questa la conferenza di Giuseppe Iachini nel post partita di Inter-Fiorentina.

I gol subiti sono la causa della sconfitta?

Il calcio è così. Rimane il fatto che la squadra è venuta qui per fare una grande partita, per cercare tutte le volte che si poteva di andare a offendere, attaccare e fare gol. L’ha fatto con grande qualità, anche di palleggio, c’è il rammarico perché sullo 0-1 e sul 2-3 avevamo avuto un paio di palle per chiuderla. Anche nel finale abbiamo avuto un paio di situazioni importanti per fare il 2-4. Purtroppo non ci siamo riusciti, nel finale per un pizzico di ingenuità abbiamo subito i gol. Per una squadra come la nostra, che a livello difensivo ha avuto sempre alta attenzione e concentrazione, non può accadere. Guardiamo il bicchiere mezzo pieno: abbiamo fatto una grande partita. Peccato che andiamo a casa senza nulla, la Fiorentina avrebbe sicuramente meritato un risultato diverso.

Cosa dice Iachini a Kouamé e Vlahovic per le occasioni sprecate?

Quando si lavora con giocatori giovani ci sta che possano fare anche la giocata sbagliata. Fa parte del loro percorso di crescita, a vent’anni succede così. È un percorso di lavoro che stiamo portando avanti, ci dobbiamo pensare che facciano la cosa ottima e altri momenti valutati in maniera sbagliata. L’importante è che ci sia la consapevolezza da parte di tutti che è così, io come allenatore devo lavorare e far sì che leggano le situazioni in maniera diversa.

Rifarebbe tutti i cambi?

Purtroppo sono stati forzati. Bonaventura è arrivato da poco tempo, non ha potuto svolgere preparazione. Lo stiamo già forzando facendolo giocare dall’inizio, dopo l’infortunio che ha avuto lo scorso anno. Chiesa ha avuto un problema dietro al bicipite, aveva chiesto il cambio e non ce la faceva più già da prima del gol. Ribéry a pochi minuti dalla fine era stravolto, aveva fatto una partita completa. Più che avere un attaccante che potesse far alzare la squadra non potevamo fare. Questo è stato fatto nell’ottica della partita, peccato perché alla fine sul gol da calcio d’angolo anche Ribéry avrebbe potuto fare poco. Dovevamo essere bravi noi a chiuderla quando abbiamo avuto le opportunità.



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE