Interviste

De Zerbi: «Inter senza punti deboli. Assenze? Nessun recuperato»

Roberto De Zerbi, allenatore del Sassuolo, ha parlato oggi in conferenza stampa alla vigilia della sfida di domani contro l’Inter, recupero di Serie A della partita rinviata per lo scoppio del focolaio covid nello spogliatoio nerazzurro

NESSUN RECUPERORoberto De Zerbi torna sulla scelta di escludere alcuni giocatori a contatto col covid che verrà confermata anche domani contro l’Inter: «Noi abbiamo fatto una scelta e basta, senza pensare se qualcuno si potesse accodare alla nostra posizione. L’abbiamo fatta considerando tutto, non solo il calcio, ma soprattutto quello che ci sta attorno da più di un anno. Domani continueremo su questa linea. Domani rimarranno ancora fuori Locatelli, Ferrari e Muldur e rientreranno quando scadranno i giorni necessari per poterli reintegrare al gruppo squadra. Loro sono negativi quindi potrebbero giocare. Abbiamo fatto una scelta sabato per la partita con la Roma ed è giusto portarla avanti per la partita di domani. Rispetto alla partita con la Roma non recuperiamo nessuno, stanno fuori Bourabia, Defrel, Caputo, Berardi. Quelli che hanno fatto la partita contro la Roma l’hanno fatta bene, potremmo cambiare qualche posizione, o no, vedremo. Chiaramente tutti gli altri sono tutti nella mia testa, vediamo»

SEMPRE CON IDENTITÀ – De Zerbi non crede che le assenze condizionino la prestazione della squadra: «Nella partita contro il Napoli e contro la Roma ci mancavano tanti giocatori. Come qualità di gioco sono simili come partite, ma quello che le rende simili è stato l’atteggiamento. Non è detto che una squadra con tante assenze sia inferiore. Nelle difficoltà la mia squadra ha dato qualcosa di più, mentalmente, a livello di anima, cuore e spirito. Quando dai qualcosa in più a livello di spirito e anima riesci a fare una prestazione migliore»

A FARE BELLA FIGURA – De Zerbi riconosce il valore dell’Inter, ma annuncia che il Sassuolo andrà comunque a fare la sua partita: «L’Inter è prima con merito, noi cerchiamo di andare ad essere noi stessi fino in fondo. L’Inter non ha punti deboli, ma dire se conterà di più la fase offensiva o difensiva è riduttivo. Nel calcio conta sapersi difendere bene, ma anche attaccare bene. Dobbiamo essere bravi a trovare l’equilibrio nel difendersi e attaccando, il calcio è tutt’uno. Non sono cose distinte, sono cose correlate. Rispetto all’andata cercheremo di fare qualcosa di diverso, qualche difficoltà l’abbiamo avuta. Il primo e il secondo gol che hanno incanalato la partita sono stati frutto di errori evitabili nostri, oltre che della bravura dell’avversario. L’obiettivo domani è fare una grande partita e fare una grande partita vuol dire uscire con i punti. Andare per far bella figura anche in uno stadio importante con la prima in classifica, perché se andiamo per fare una buona figura è anche più facile fare punti»

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.