Interviste

Conte: «Vinto sotto pressione elevata, l’Inter dimostra! Ottimo l’arbitro»

Conte ha commentato Inter-Atalanta 1-0 nella consueta intervista post partita con Inter TV. Queste le sue dichiarazioni al termine del posticipo della ventiseiesima giornata di Serie A, che ha ribadito il +6 sul Milan e il +10 sulla Juventus.

IL COMMENTO DEL TECNICOAntonio Conte parla dopo Inter-Atalanta su Inter TV: «Era importante. Innanzitutto abbiamo giocato contro una squadra che ormai è una certezza in Italia. Penso che l’Atalanta sia partita fra le sette squadre per giocarsi chances da scudetto o posto Champions League. Il fatto di aver battuto una diretta concorrente è un passo in avanti. Averlo fatto sotto pressione elevata, perché le dirette concorrenti avevano vinto tutte, sicuramente è importante. Dimostra la solidità caratteriale da parte di tutti: del gruppo, di chi gioca, di chi è entrato e di chi è in panchina. Sono molto soddisfatto, perché era una partita non semplice e non facile. L’Atalanta non è facile incontrarla, farlo sotto la pressione di tutte le squadre tornate sotto era ancora meno facile. Aver risposto in questa maniera, concedendo pochissimo e solo due calci d’angolo… Abbiamo fatto gol su calcio da fermo, potevamo sfruttare meglio delle occasioni, ma che dire a questi ragazzi? Era la quarta partita in dieci giorni, complimenti a loro».

IL RENDIMENTO – Conte parla di come l’Inter sta correndo nel girone di ritorno: «È un gruppo che è cresciuto molto nel percorso, soprattutto dal punto di vista caratteriale e della fame. Incrocio le dita: mancano dodici partite, ma una volta che hai l’osso in bocca devi tenertelo bello stretto. L’unico modo per tenerti stretto l’osso è continuare a lavorare, questa è la strada e l’unica che conosciamo».

TABELLINO PULITO – Conte valuta gli zero cartellini gialli: «Giusto fare i complimenti all’arbitro. Maurizio Mariani ha diretto bene, anche in maniera giusta lasciando il gioco maschio ma non violento da entrambe le parti. È giusto dare dei riconoscimenti anche all’arbitro: sia da una parte sia dall’altra ha lasciato giocare. È stato bravo anche nella gestione dei cartellini: c’è stato solo un giallo. C’erano contrasti, ma erano fisici senza alcuna violenza».

PROSEGUIRE SULLA FALSARIGA – Conte parla delle prossime partite: «Mancano dodici finali, sicuramente. Adesso i ragazzi domani riposano, perché per queste gare continue non avevano usufruito del giorno di riposo. Ora si ricaricano, sappiamo che da qui alla sosta mancano due partite. Una contro il Torino, e sappiamo le difficoltà: ha una buonissima rosa, ma si trova a lottare per la salvezza. Sappiamo che dovremo andare lì col coltello fra i denti, e poi c’è il Sassuolo. Ogni partita è una prova di maturità, i ragazzi lo sanno. Oggi e domani dobbiamo goderci la vittoria, da mercoledì spazio al Torino che sarà un’altra finale».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button