Conte: “Prevenuti sull’Inter, ogni cosa esaltata in negativo! Check VAR…”

Articolo di
20 Luglio 2020, 00:40
Conte LIVE in conferenza stampa Conte LIVE in conferenza stampa
Condividi questo articolo

Conte ha parlato in sala stampa all’Olimpico dopo Roma-Inter. Anche nella conferenza il tecnico ha voluto mettere l’accento sull’arbitraggio di Di Bello, con il gol convalidato per il momentaneo 1-1 che grida vendetta.

CONFERENZA CONTE – Questa la conferenza stampa di Antonio Conte nel post partita di Roma-Inter.

Alla fine di una partita così Conte ha qualcosa da rimproverare ai suoi ragazzi?

Sinceramente mi riesce difficile rimproverare qualcosa ai ragazzi, per quello che hanno dato e per quello che stanno facendo. Fino all’ultimo sono stati lì per cercare di pareggiare, poi per vincere la partita. Questo nonostante la stanchezza, gli impegni ravvicinati e le altre squadre che hanno più tempo per recuperare rispetto a noi. C’è poco da recriminare e poco da dire, magari andiamo 0-1 alla fine del primo tempo, i ragazzi non si innervosiscono e non entrano in campo nervosi e contratti. Magari nel secondo tempo non avremmo subito il 2-1, non lo so, ma ho poco da dire ai ragazzi perché stanno dando veramente tutto. Secondo me i nostri tifosi devono essere orgogliosi dei calciatori.

Calendario folle: perché?

Andate a vedere, c’è poco da dire. Guardate il calendario dell’Inter e come sono strutturati quelli degli altri.

Per Conte c’è una spiegazione del gol convalidato dopo il check del VAR e l’on-field review?

Già che il VAR ti chiama significa che non ti manda a fare una passeggiata. Oggi hai una possibilità, con la tecnologia, di rivedere gli episodi: il giocatore della Roma (Aleksandar Kolarov, ndr) non ha mai preso la palla, c’è stata una carica su Lautaro Martinez che è stato anche preso sul calcagno. Ho grandissimo rispetto per gli arbitri, perché anche loro stanno vivendo una situazione molto difficile. Si stanno allenando a temperature altissime, stanno viaggiando e tornando tardi: grande rispetto anche dopo errori gravi come questo.

La stagione finirà con tanti rimpianti?

I rimpianti sono per voi, io so benissimo i ragazzi cosa stanno facendo. I numeri dicono che l’Inter è in Champions League con quattro giornate d’anticipo, con quattordici punti di distacco sul Napoli e sedici su Roma e Milan. Eppure vedo che l’Inter viene criticata, gli altri invece no nonostante non siano entrati nella top-4. C’è premeditazione da parte di qualcuno nei confronti dell’Inter, ogni cosa viene esaltata in maniera negativa. Bisogna vedere il campionato nostro e degli altri: a quattro giornate dalla fine stiamo parlando di scudetto, cosa che negli ultimi anni all’Inter non capitava mai. È come per il calendario: non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere. C’è poco da dire, alla fine vincete sempre voi (riferito ai giornalisti, ndr).

Il calendario sembra essere fatto dalla Lega Serie A.

Sicuramente non posso fare il calendario, perché faccio l’allenatore. Non riesco neanche ad argomentare il calendario perché faccio fatica, onestamente. Se andate a vedere, in maniera onesta e leale, ci sono comunque delle anomalie importanti. Noi, nel periodo clou e cruciale, praticamente affrontiamo sempre squadre riposate con un giorno o un giorno e mezzo in più di noi. Prima della Roma abbiamo fatto trasferta a Ferrara, oggi torniamo alle 4 di notte di nuovo. Tre giorni di recupero ogni volta, abbiamo giocato contro il Verona che aveva un giorno di riposo in più, SPAL e Roma idem. Questi sono gli argomenti, poi vado a vedere e altre dopo cinque giorni di riposo. Io dico boh: giocano prima di noi e poi dopo. Noi giochiamo a Roma partite importanti dopo tre giorni e qualche domanda me la faccio, il problema è che forse me la faccio solo io all’Inter.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE