IntervistePrimo Piano

Conte: “Non dormo per l’Inter, io primo tifoso! Slavia Praga veleno”

Conte si è presentato nella sala stampa dello Stadio Giuseppe Meazza per la consueta conferenza post partita. L’allenatore nerazzurro ha risposto, al termine di Milan-Inter, alle domande dei giornalisti presenti.

CONFERENZA CONTE – Queste le parole di Antonio Conte in conferenza stampa al termine di Milan-Inter.

Come giudica la partita?

È stata una buona partita. Loro hanno cercato di fare male all’Inter, noi bene anche nell’intensità con cui abbiamo pressato il Milan per grande parte della gara. Sono contento, è stata una grande gara contro un’ottima squadra, perché stiamo parlando del Milan che come l’Inter è un top club. Non dimentichiamo che era un derby giocato fuori casa, sono molto contento per i miei ragazzi e per tutto lo staff e l’ambiente interista, come per i nostri tifosi. Per me era il primo derby, ci tenevo e lo sentivo.

Candreva, D’Ambrosio e Barella valore aggiunto?

Penso che non sia giusto parlare di singoli, ma di tutta la squadra. Martedì non era stata una buona prestazione, vedo il bicchiere mezzo pieno perché la prestazione ci ha lasciato l’amaro in bocca e ci ha dato quel veleno che magari una partita giocata e vinta contro lo Slavia Praga ci avrebbe fatto affrontare la situazione con superficialità in più. Invece siamo stati bravi, al tempo stesso oggi grande reazione. I ragazzi hanno dimostrato che se vogliamo possiamo, nonostante avessimo giocato solo tre giorni fa penso che l’intensità e il ritmo tenuto da questi ragazzi sia stato veramente importante. Le occasioni che abbiamo creato, a parte i gol, penso che abbiano reso un derby molto meritato da parte nostra.

Quanto c’è di Conte in questa metamorfosi fra martedì e oggi?

Non lo so. Sicuramente nelle situazioni negative c’è sempre una mia responsabilità, me la assumo. Oggi c’è stata una prestazione positiva ed è giusto dare i meriti ai ragazzi, perché hanno fatto quello che avevamo preparato in maniera veramente encomiabile e proprio determinata. Queste sono partite a sé, dove se vuoi vincere devi dimostrare sul campo che hai più voglia del tuo avversario. Penso che oggi siamo stati più bravi, nonostante abbiamo affrontato un’ottima squadra ben organizzata come il Milan. Questo ci deve far capire che se vogliamo possiamo, ci deve far aumentare l’autostima perché tante volte ci sottostimiamo e perdiamo un po’ di personalità. Questo non deve accadere.

Pensi che questa vittoria ti faccia accettare dai tifosi dell’Inter?

Io mi sento continuamente non dico sotto esame, ma è inutile negare che da parte mia sento tantissima responsabilità. Comunque anche se non volessi prenderla me la danno, io sento grandissima responsabilità ma come ho sempre detto metterò tutto me stesso per l’Inter. Nel momento in cui decido e sposo una causa io sono un grandissimo professionista, e oggi ribadisco di essere il primo tifoso dell’Inter. Al di là che possa vincere oggi non dormo per l’Inter, lo stesso succedeva col Chelsea e con la Juventus. Non voglio essere accettato da qualcuno, ma che la gente capisca.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button