Conte: «Lukaku? Se si arrabbia mi fa piacere! Eriksen ce lo teniamo stretto»

Articolo di
26 Gennaio 2021, 23:38
Antonio Conte - Rai Antonio Conte – Rai
Condividi questo articolo

Conte ha parlato al termine di Inter-Milan, derby vinto dai nerazzurri che volano così in semifinale di Coppa Italia. Di seguito le dichiarazioni del tecnico nerazzurro

SEMIFINALEConte parla così ai microfoni di “Rai Sport” al termine di Inter-Milan: «In semifinale come l’anno scorso, merito soprattutto dei calciatori perché hanno interpretato bene dal primo fino all’ultimo secondo. E’ stato un derby duro contro un’ottima squadra. Il Milan è primo in classifica non per grazia ricevuta, essere riusciti a eliminarli mi rende felice. Anche in 11 contro 11 abbiamo avuto occasioni importanti, il risultato fino all’espulsione penso non fosse giusto. La partita la stavamo facendo noi, Tatarusanu è stato il migliore in campo. Poi siamo stati bravi a ribaltare, creando tanto. Anche stasera c’è un fatto che deve farci riflettere: creiamo tantissimo ma dobbiamo essere più cattivi e determinati. Per quello che creiamo realizziamo davvero poco».

ADRENALINA – Conte parla dell’adrenalina da derby: «E’ un derby, sono così i derby, non è una passeggiata di salute, quindi è inevitabile. Noi lo sentivamo, loro pure e quindi per questo motivo è giusto dedicare la vittoria ai tifosi, soprattutto quelli che ci hanno accolto oggi. Vogliamo condividere con loro questa gioia. Ora concentriamo per sabato e poi penseremo all’andata delle semifinali di Coppa Italia».

NERVOSISMO – Conte parla poi del duro faccia a faccia tra Lukaku e Ibrahimovic: «Se ho parlato con Lukaku? No, io ho fatto il calciatore e so che durante la partita gli animi sono accesi. Può accadere che ci sono delle situazioni dove ci si arrabbia, l’importante è che rimanga nella giusta dimensione. Mi è piaciuto vedere Lukaku sul pezzo, ha litigato con Ibrahimvoic che è un tipo che dentro ha la cattiveria del vincente, di quello che non ci sta mai e penso che Lukaku stia crescendo da quel punto di vista. Per noi è molto importante. Se ogni tanto si arrabbia a me fa solo piacere».

PROGETTO – Conte non può non parlare di Eriksen e delle voci su un suo possibile addio: «E’ da un mese che ripeto un’unica cosa: la rosa è questa, non arriva nessuno e non partirà nessuno. Non mi credete o non volete credermi. Con Eriksen stiamo lavorando dal punto di vista tattico per trovare un’alternativa a Brozovic, perché in rosa non c’è. Lui ci sta lavorando, calcisticamente è molto intelligente, ha qualità e quindi fa parte del progetto e sono contento che oggi abbia fatto quel gol. Ho fatto in modo che tirasse lui, è un po’ timido e mi auguro che questo gol lo sciolga un pochino. Gli vogliamo bene, perché è un ragazzo davvero perbene, forse fin troppo. Ce lo teniamo stretto. Noi siamo questi e andremo avanti fino alla fine così».

BILANCIO – Conte fa un bilancio generale: «Il bilancio che posso fare dopo un anno e mezzo con l’Inter? Io sono di parte sicuramente, quindi preferisco lo facciano gli altri. Inevitabile che nei miei confronti ci sia grande aspettativa, ma spesso si dimentica che bisogna dare tempo alle persone di lavorare. Io penso che l’Inter stia facendo dei numeri statisticamente importanti, ma si cerca sempre di guardare il bicchiere mezzo vuoto, a differenza di altre squadre. Noi dobbiamo cercare di lavorare e migliorare, questi ragazzi lo stanno facendo ma ci vorrà ancora. Nonostante le difficoltà che stiamo avendo fuori dal campo, stanno rispondendo tutti bene e sono orgoglioso di essere il capo di questo gruppo.

ENERGIA – Conte termina l’intervista tornando sulla vittoria con la Juventus: «Quando vinci contro i migliori, la squadra che ha vinto in Italia negli ultimi nove anni in maniera indiscutibile, ti dà comunque convinzione che può accadere qualcosa di bello e importante. Per me la Juventus rimane in assoluto la squadra favorita. Se in semifinale troveremo loro? Saranno due partite impegnative eventualmente, quindi domani vedremo chi sarà la vincente. Se sarà la Juventus, sarà una doppia sfida impegnativa, dovremo essere bravi perché giocheremo in poco tempo».




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.