Conte: “Inter, un percorso parallelo al campo. Ci rivedremo col club, Pioli…”

Articolo di
22 Dicembre 2020, 14:13
Antonio Conte in conferenza stampa Antonio Conte in conferenza stampa
Condividi questo articolo

Conte ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Verona-Inter (vedi articolo). L’allenatore ha anticipato che, durante la breve sosta natalizia, si farà il punto con la società per capire come affrontare la ripresa della stagione a gennaio. Ancora problemi per Sanchez.

CONFERENZA CONTE – Questa la conferenza stampa di Antonio Conte alla vigilia di Verona-Inter.

Il Verona è una delle squadre rivelazione di questo campionato. Che gara dobbiamo aspettarci?

Sicuramente il Verona, sia l’anno scorso sia quest’anno, sta facendo grandi cose. Complimenti a Juric che sta facendo un ottimo lavoro, sarà una partita difficile e vediamo un pochettino anche i risultati che il Verona ha fatto contro le grandi squadre: ha sempre creato delle grosse problematiche. Noi dobbiamo essere bravi, attenti e determinati, sapendo a cosa andremo incontro.

Come ha visto Conte la squadra a livello di stanchezza? Il Milan la sta stupendo in questo percorso dove non sta perdendo?

Abbiamo giocato due giorni fa, quindi ieri chi ha giocato ha fatto un allenamento di recupero. Prepareremo la partita contro il Verona, manca quest’ultima partita prima delle vacanze, tra virgolette, di Natale, quindi cercheremo di mettere tutta l’energia possibile per cercare di ottenere un buon risultato a Verona. Per quello che riguarda il Milan sta facendo molto bene e sono contento per Pioli.

L’anno scorso l’Inter chiuse a dicembre in testa appaiata alla Juventus: oggi, prima dell’ultima giornata, è un punto dietro il Milan. A distanza di dodici mesi il percorso che è stato fatto è quello auspicato? O l’Inter è più avanti o più indietro rispetto alle aspettative di Conte?

Sinceramente, a livello calcistico, noi stiamo cercando di fare un percorso che porti comunque ad assestare l’Inter nelle primissime posizioni di classifica. È un percorso che è iniziato, sta continuando: è un percorso fatto di lavoro, poi c’è anche un percorso parallelo che è un percorso societario. Però su quello dovete chiedere al club.

Nelle ultime partite si è ridotto il numero di rotazioni, di cambi, fra una partita e l’altra. È frutto di problemi di infortuni o c’è una scelta precisa di dare continuità?

Sì, penso sia una cosa sia l’altra. Sia per infortuni, sia per dare una stabilità e avere un’ossatura.

Dopo la partita con lo Spezia ha detto che serviva fare un consultivo e fare valutazioni oggettive. Cos’è che si aspettava Conte da questa prima parte di stagione dell’Inter?

Per quella che può essere la mia valutazione penso che non sia importante. Penso che sia importante una valutazione da parte del club, in questi quattro mesi in cui abbiamo lavorato. Sicuramente ci vedremo con il club dopo Verona-Inter, nel periodo natalizio, anche perché è giusto dopo il meeting che abbiamo fatto ad agosto, dove sono state prese delle decisioni accettate da parte di tutti. È giusto rivedersi, risedersi e capire che tipo di situazioni abbiamo in mente di affrontare e se le vogliamo affrontare.

Gli infortuni costanti di Sanchez sono un problema solo del giocatore o la nazionale è stata un problema maggiore?

Sinceramente questo non lo so. C’è un dato abbastanza costante: che Sanchez si infortuna spesso.



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




<!--//<![CDATA[ var m3_u = (location.protocol=='https:'?'https://servedby.publy.net/ajs.php':'http://servedby.publy.net/ajs.php'); var m3_r = Math.floor(Math.random()*99999999999); if (!document.MAX_used) document.MAX_used = ','; document.write (""); //]]>-->

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.