Conte: “Contento per la vittoria, ci è mancato un po’ il cinismo”

Articolo di
14 Settembre 2019, 23:31
Condividi questo articolo

L’Inter fa tre su tre e sconfiggendo l’Udinese nell’anticipo di questa sera è in testa alla classifica a punteggio pieno. Il tecnico Antonio Conte ha parlato ai microfoni di Sky Sport dopo la partita

IL GOL DI SENSI – “Sono contento per il gol di Stefano, è un ragazzo che vede il calcio, capisce, e questo ti permette di trovare anche soluzioni alternative come quelle di oggi che l’ho messo da numero 10 con Politano e Lukaku. Sono contento per il gol perché quando provi e riprovi e parli su alcune posizioni quando poi escono le cose sei anche più contento”.

MANCATO IL CINISMO – “Sicuramente è mancato il cinismo per chiudere la partita e siamo stati in ballo fino all’ultimo. Quando sei sull’1-0 cerchi il secondo gol, l’Udinese si è dimostrata una squadra fisica e devi prepararti a non subire ripartenze. Onore all’Udinese che è stata in partita fino alla fine, complimenti a Igor che è un ottimo allenatore”.

OTTIMO GODIN – “Si è visto in televisione nel secondo tempo siamo stati sorpresi da un attacco in profondità di Lasagna e credo sia stata l’unica sbavatura e ci costava tanto. Stiamo lavorando, Godin è stato penalizzato dall’inizio della preparazione da un problema, non ha lavorato con gli altri, non faceva una partita da due mesi ma sono contento della sua prestazione, lui ha fatto l’assist per Stefano. C’è tanto da lavorare, è fuori dubbio, non pensiamo che sia stata una passeggiata, ma dobbiamo essere orgogliosi perché quando fatichi e sudi così c’è più soddisfazione”.

ALCUNE COSE DA MIGLIORARE – “Io sono stato molto chiaro con i ragazzi, ho detto che quest’anno chi affronterà l’Inter farà la gara su di noi quindi la maggior parte della partita troveremo giocatori dietro la linea della palla quindi dobbiamo essere bravi a creare superiorità, per questo stiamo lavorando con i tre centrali. Dobbiamo migliorare nel trovare spazi, possiamo migliorare su tante cose, sono curioso di vedere a che punto siamo con tutti i giocatori perché per un motivo o l’altro qualcuno non ha mai fatto una partita e mi riferisco a Sanchz, Godin, Lazaro. Stiamo facendo esperimenti con partite ufficiali, però sono contento perché c’è grande voglia e disponibilità, si vede che hanno voglia e a volte gli viene un po’ il braccino”.

SI FANNO ANCHE ESPERIMENTI – “Noi ci stiamo lavorando, stiamo lavorando proprio sulle scalate e cerchiamo di scivolare poi con il centrale e andare con l’esterno in pressione scivolando poi col centrale di parte. Per quello che riguarda Diego devo essere contento perché non giocava da due mesi, sta giocando in un sistema nuovo, non aveva lavorato come de Vrij o Skriniar o D’Ambrosio, ma quando parlo di curiosità di valutare la rosa e il livello di apprendimento che hanno tutti i giocatori non lo so, mi sto trovando a mettere in partite ufficiali a giocatori che non hanno mai fatto una partita ufficiale come Sanchez, che ha qualità ma deve entrare dentro un’idea. Oggi abbiamo trovato un’alternativa al 3-5-2, ci abbiamo lavorato nonostante i nazionali e può essere un’alternativa importante nel corso della stagione”.

I MOTIVI DEI CAMBI – “Ho voluto mantenere quell’assetto perché stiamo lavorando con questo tipo di situazioni, questa è una difesa a tre ma sempre attiva, se vai a vedere chi ha fatto l’assist per il gol è Godin. Stiamo lavorando su questo tipo di sistema che può variare interpreti e situazioni. Barella l’ho sostituito perché era ammonito e non volevo correre rischi, Lukaku ha avuto un problema alla schiena nel riscaldamento e ha influito perché non è stato brillantissimo, poi alla fine è entrato Sanchez al posto di Politano perché quando lavori su un sistema non puoi pensare di stravolgere il tutto. Dobbiamo essere più offensivi con le nostre giocate, col coraggio di venire dentro al campo e di cercare le soluzioni che proviamo in allenamento, in questo dobbiamo migliorare”.

IL PRIMATO IN CLASSIFICA“Noi dobbiamo pensare a noi stessi, queste tre vittorie sono state sudate e così sarà per il resto del campionato. Al di là del risultato i tifosi devono essere contenti perché i ragazzi hanno dato il 200%, questa deve essere la nostra base. Siamo in testa, abbiamo fatto tre vittorie, ma restiamo coi piedi per terra perché noi dobbiamo fare grandi cose ma le altre devono fare dei disastri”.




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.