Interviste

Andreazzoli: «Inter forza straordinaria ma ci manca un rigore clamoroso»

Aurelio Andreazzoli, nel post di Empoli-Inter su Sky Calcio club, ha discusso dell’episodio Bajrami-D’Ambrosio nel primo tempo. Il tecnico è polemico sul mancato ausilio del Var

EPISODIO CLAMOROSO − L’analisi di Andreazzoli su Empoli-Inter: «Sia doveroso preoccuparsi della salute degli altri. Non ho fatto nulla di particolare, poi di un ragazzo che amo e apprezzo tantissimo. D’Ambrosio ha raddoppiato stasera, salvataggio (2019) e gol. Era nella nostra idea di tentare di fare qualcosa per limitare forza della squadra che è straordinaria. Ho detto a Farris se ne aveva ancora da mettere, più metteva e più migliorava. Abbiamo cercato di prenderli alti, abbiamo tenuto il campo bene ma siamo stati penalizzati dall’espulsione, 10 vs 11 diventa più difficile. Sul contatto Bajrami-D’Ambrosio ce l’ho chiarissimo. Io non ho mai parlato di arbitri, è una categoria da difendere e non ce l’ho nemmeno questa volta. Gli ho detto ma Valeri cosa ha da fare al Var o era distratto o non riesco a capire. Clamoroso l’episodio, lascia stare il risultato però me la voglio giocare alla pari. Accetto il rosso ma al Var da seduti vedete una situazione talmente chiara perché non li aiutano gli arbitri. Non dico nulla su cosa mi abbia detto Chiffi in campo. Com’è possibile, si vede che è calcio di rigore lo vedrebbe anche mio nipote di quattro anni».

CAMBI E VAR − Ancora Andreazzoli: «I cinque cambi sono a favore più delle squadre attrezzate. Sono favorevole a tutto quello che porta verso la verità. Va bene qualsiasi, purché si utilizzi nella maniera corretta. Ci vuole oggettività, i primi ad avere vantaggio sarebbe la classe arbitrale. Sono loro ad andare in difficoltà, sono bravi ma il loro mestiere è difficile e vanno aiutati. Vanno aiutati dai giocatori, dagli allenatori. I giocatori esagerano nelle urla e nei rotolamenti».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button