IntervistePrimo Piano

Ancelotti a Inter-News: «Proviamo Alaba. Modric riposo sino a domani sera»

Ancelotti ha presenziato in conferenza stampa assieme a Benzema (vedi articolo). L’allenatore del Real Madrid, a domanda di Inter-News.it, spiega le condizioni di Alaba e Modric ossia gli unici due giocatori in dubbio a livello fisico.

CONFERENZA ANCELOTTI – Questa la conferenza stampa di Carlo Ancelotti alla vigilia di Inter-Real Madrid.

La Champions League del Real Madrid arriva nel miglior momento della squadra in questo inizio di stagione. Come si affronta questa partita con l’Inter?

La squadra sta bene. Abbiamo fatto bene col Celta Vigo ma domani sarà un’altra storia e un’altra competizione. La Champions League porta sempre tanto fascino per il Real Madrid, sappiamo però che sarà una partita complicata. L’Inter è migliorata e ha stimoli: chiaro che vogliamo vincere e dominare, però anche loro. Vogliamo fare una buona partita per iniziare la competizione nella maniera migliore.

Qual è la sua relazione con la Champions League?

Per me è un qualcosa di speciale. L’ho vinta due volte da giocatore e mi sono portato molti ricordi anche quando sono diventato allenatore. Soprattutto la Décima, quella che ho vinto nel 2014, è un ricordo molto particolare.

Ha detto che l’Inter ha mantenuto la stessa struttura con nuovi stimoli. Che differenze ci sono fra quella di Conte e questa di Inzaghi?

I nuovi stimoli sono quando arriva un nuovo allenatore, con una nuova tipologia e nuove idee. La struttura è la stessa, ma hanno preso giocatori importanti. La squadra sta bene e l’ha dimostrato in campionato, sarà una partita molto aperta e cerchiamo di essere competitivi.

Qualcosa è cambiato per quatno riguarda Vinicius Junior. Cosa ha fatto Ancelotti per migliorarne il rendimento?

Io tratto Vinicius Junior come tutti gli altri. Lo stimolo negli allenamenti, gli dico di rimanere focalizzato nel lavoro. Poi in questo periodo sta giocando con fiducia, può essere che il tempo che ha passato con problemi gli ha dato maggiori motivazioni.

Ritiene che il Real Madrid sia la principale favorita per vincere la Champions League?

Difficile dire chi è favorito quando la competizione non è nemmeno iniziata. Quello che posso dire è che il Real Madrid vuole competere come tutte le volte: l’idea è competere al massimo, sappiamo quanto è speciale questo torneo. Giocheremo contro squadre molto forti, dire ora chi è favorito è difficile. Ma noi lotteremo per tutto.

Cosa ha avuto Marcelo per non essere convocato?

Si è allenato molto bene ieri, doveva essere convocato. Poi, però, a fine allenamento ha sentito un piccolo fastidio: poca cosa, però non gli ha permesso di viaggiare ed essere disponibile. Bale ha avuto un problema in allenamento al Bernabéu, sarà fuori ancora alcuni giorni.

In questa stagione può diventare l’allenatore che ha vinto il campionato nei cinque principali Paesi e il primo che vince quattro volte la Champions League/Coppa dei Campioni. Quale record preferirebbe Ancelotti?

Non lo so, è una grande motivazione per me ma la principale era tornare al Real Madrid. È quello che mi dà più felicità.

Domanda di Inter-News.it ad Ancelotti: Modric è tornato dopo un mese di stop col Celta e ha fatto quasi tutta la partita, è ormai pienamente recuperato? Alaba invece ha saltato domenica e torna oggi, più opzione al centro o a sinistra?

Alaba si è allenato ieri da solo, oggi farà l’allenamento con la squadra e lo valuteremo. Poi decideremo, penso che stia bene e che possa giocare. A Modric abbiamo pensato di dargli riposo fino a domani sera alle 20.30.

L’ha sorpresa il rendimento di Vinicius Junior?

Tutti hanno visto che è più freddo davanti alla porta, per il resto sapevamo già che giocatore è.

Il Real Madrid può difendere ancora meglio?

Certo. A volte ci sbilanciamo in certe situazioni, dobbiamo essere posizionati meglio. Il posizionamento buono col pallone ti permette di avere più equilibrio quando lo perdi.

Ritiene ci sia un ambiente più tranquillo dopo la Champions League?

No, non è una casualità che questo club ne abbia vinte tre di fila: ha la stessa motivazione di sempre. Quella che sento prima di questa partita è la stessa del mio debutto.

Marcelo ha giocato solo un minuto l’ultima volta. C’è qualche problema?

Come ho detto volevo tenerlo pronto per questa partita, dove sarà molto importante l’esperienza che un giocatore come lui ha. Il problema che ha avuto, purtroppo, lo tiene fuori.

Che sensazioni prova Ancelotti a tornare nel suo vecchio stadio, alla guida del Real Madrid, proprio contro l’Inter? È vero che la tifava da piccolo?

Sì, ero tifoso dell’Inter da piccolo ma dopo ho cambiato per varie ragioni. Ho fatto anche un provino per l’Inter, poi sono andato alla Roma. È sempre una squadra che mi ha creato simpatia, negli anni al Milan il derby è sempre stato un qualcosa di speciale e provo grande rispetto.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button