FocusMatch

Ex di Inter-Sampdoria, Skriniar sfida il suo passato in un San Siro deserto

La nuova Serie A torna a San Siro con Inter-Sampdoria, match valido per il recupero della venticinquesima giornata. I nerazzurri di Antonio Conte sfideranno i blucerchiati di Claudio Ranieri con motivazioni e obiettivi diversi. Nel silenzio del Meazza spunta un barlume di normalità: due squadre, una contro l’altra, pronte ad eclissarsi da un contesto ancora molto delicato. Proverà ad estraniarsi il grande ex di turno, Milan Skriniar, che oltre alla cornice surreale dovrà sostenere il peso dei ricordi in maglia ligure

INTER-SAMPDORIA A MAGLIE INVERTITE

RIPARTIRE – Il ritorno dell’Inter a San Siro ci riconcilia con una parvenza di normalità. Una parola pesante, questa, da maneggiare con cautela. Ma alcuni elementi ci costringono a focalizzarci sul campo, domani, alle ore 21.45, tenendo fuori tutto il resto. Antonio Conte alle prese con i soliti problemi a centrocampo (QUI gli ultimi aggiornamenti su Marcelo Brozovic e QUI su Stefano Sensi), i nerazzurri che hanno estremo bisogno di riscattare una prestazione positiva ma colma di rimpianti, come quella di Napoli. Tutti buoni motivi per sedersi di fronte ad un rush finale che promette scintille. L’ultima partita in Serie A, dei ragazzi di Conte, risale ai primi di marzo: Juventus-Inter 2-0. Un ricordo sfocato, quando ancora i dubbi e le incertezze avvelenavano il dibattito sul nostro calcio. Domani si torna in campo, in un San Siro tombale. Di mezzo, quasi quattro mesi di lockdown e la necessità di convivere con un nemico invisibile. Inter-Sampdoria permetterà ai tifosi nerazzurri di eclissarsi da tutte le loro preoccupazioni per novanta minuti: recupero, ansie e imprecazioni comprese.

EX SAMPDORIA NELL’INTER (4)

SKRINIAR – Arrivato in nerazzurro con una complicata triangolazione di mercato (5 milioni di euro più il cartellino di Gianluca Caprari più alcuni bonus), Milan Skriniar ci ha messo davvero poco a prendersi l’Inter. Un’operazione di mercato praticamente perfetta, con cui i nerazzurri blindarono la difesa con Luciano Spalletti in panchina. Una crescita costante, quella del classe 1995, che ha fatto dell’esuberanza atletica e della personalità due elementi caratteristici. Leader silenzioso ma non troppo, capace di spazzare via ogni sussulto critico intorno al suo nome poco conosciuto. Gli svarioni del periodo blucerchiato sono sfumati rapidamente come un ricordo lontano. L’arrivo di Antonio Conte l’ha costretto a rimettersi in gioco, in contemporanea con le voci di mercato che avevano iniziato a ronzare sopra la testa dello slovacco. Capitan futuro designato, nonostante il passaggio alla difesa a tre abbia portato qualche complicazione lungo il percorso. Skriniar continua a lavorare a testa bassa, come baluardo del presente e del futuro nerazzurro. Il vuoto di San Siro farà effetto anche ad un tipo glaciale come lui, ma il breve passato in Liguria non dovrebbe intaccarne le prestazioni.

Presenze con la Sampdoria: 38; Reti: 0

RANOCCHIA – In prestito dall’Inter alla Sampdoria a gennaio 2016, mette insieme 14 presenze senza reti prima di fare rientro a Milano.

BERNI – Appena 3 presenze con 5 reti subite nell’esperienza blucerchiata.

PADELLI – Ha avuto un trascorso con la Primavera della Sampdoria, senza tuttavia mai debuttare in prima squadra. 

EX INTER NELLA SAMPDORIA (4)

BONAZZOLI – Una delle tante promesse mancate del vivaio nerazzurro. Finito sulle prime pagine degli almanacchi già dalla partita d’esordio, a 16 anni, contro il Chievo, il 18 maggio del 2014. Ai tempi diventò il secondo giocatore più giovane mai utilizzato in Serie A dall’Inter, mettendosi alle spalle una leggenda come Giuseppe Bergomi. Ma quella dei suoi primi passi era una squadra difficile da interpretare, guidata in panchina da Walter Mazzarri e con poche prospettive di crescita sul lungo termine. La cessione, proprio alla Sampdoria nell’inverno del 2015, per qualche milione di euro: utile per rimettere a posto i conti nerazzurri, mantenendo sul calciatore un’opzione di riacquisto mai più esercitata. Bonazzoli deluse, forse anche per una transizione fin troppo brusca col calcio dei grandi. Dotato di un sinistro molto apprezzabile, viene fagocitato da un lungo peregrinare nella serie cadetta: l’ultima esperienza, non troppo fortunata, con la maglia del Padova. Poi il ritorno alla base blucerchiata, in questa stagione, condito da 11 presenze e una rete all’attivo (finora). Il ritorno a San Siro, per Inter-Sampdoria, potrebbe fargli un certo effetto.

Presenze con l’Inter: 9; Reti: 0

DODÒ – Anche lui accarezzò la maglia nerazzurra nel delicato periodo Mazzarri. Dopo un’esperienza balbettante con la Roma, l’Inter lo acquistò in prestito con diritto di riscatto legato alle presenze (così usava allora). In nerazzurro avrebbe dovuto colmare il vuoto annoso della corsia mancina: risultati piuttosto scarsi. Terzino brasiliano offensivo e allegro in fase di ripiegamento. Per certi versi anche piuttosto moderno nell’interpretazione del ruolo, con un ottimo controllo di palla e buona qualità nel cross. Su tutti, quello confezionato per la testa di Hernanes in un Inter-Napoli del 19 ottobre 2014. Poi, praticamente il nulla.

Presenze con l’Inter: 29; Reti: 2

D’AMICO – Attaccante classe 2000 in prestito dall’Inter alla Sampdoria, che lo ha aggregato alla Primavera, ma quest’oggi è stato convocato. Andrà in panchina?

RANIERI – Sulla panchina dell’Inter per sostituire Gian Piero Gasperini e successivamente rimpiazzato da Andrea Stramaccioni nella complicatissima stagione 2011/12.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.