Eriksen ancora in panchina contro la Juventus, ecco i motivi – CdS

Articolo di
5 Marzo 2020, 11:10
Eriksen Inter
Condividi questo articolo

Il “Corriere dello Sport” scrive che contro la Juventus Eriksen dovrebbe andare ancora in panchina. Il danese non fornisce abbastanza garanzie.

ANCORA IN PANCHINA – Il primo derby d’Italia da interista Christian Eriksen rischia concretamente di iniziarlo dalla panchina. Conte non ha mai nascosto che per entrare nei suoi meccanismi c’è bisogno di un processo di apprendimento tattico importante e che nel caso dell’ex Tottenham il lavoro doveva essere addirittura doppio perché l’incertezza sul suo futuro e il fatto che sia stata poco impiegato, lo ha portato anche ad arrivare a Milano non al top della condizione.

CERTEZZE CERCASI – Rispetto al suo sbarco in Italia, però, la situazione di Eriksen è molto migliorata e negli ultimi 40 giorni ha lavorato tanto oltre a mostrare il suo valore quando è stato chiamato in causa. Il gol dell’1-0 sul campo del Ludogorets, quando ha colpito pure una traversa e ha chiamato alla grande parata Iliev, ma anche l’assist per 1-1 di Biraghi sempre contro i bulgari nel ritorno oltre alla traversa colpita nel derby e a qualche altro buon spezzone hanno confermato che il suo valore non è in discussione, ma è tut-o meno che scontata la sua presenza almeno dal 1’ all’Allianz Stadium. Perché contro la Juventus servono certezze tattiche, anche a costo di sacrificare quella qualità che il ventottenne di Middelfart garantisce.

VECINO FAVORITO – Il problema è che in questo momento Christian non garantisce quella copertura alla mediana e quell’intensità che invece Vecino riesce a dare. Sia perché ha più attitudine al ruolo di mezzala (in entrambe le fasi) sia perché conosce meglio i movimenti del calcio di Conte che dai suoi interni di centrocampo si aspetta “assalto”, corsa e inserimenti. Tre doti più tipiche dell’uruguaiano che del danese. Se fosse arrivato la scorsa estate il suo processo di adattamento al 3-5-2 a questo punto sarebbe già stato completato, mentre con così poco tempo a disposizione, e un’avversaria tanto forte come quella bianconera, è probabile che l’ex allenatore del Chelsea sceglierà la strada… classica. Cambiare modulo e utilizzare il 4-4-2 visto nel ritorno di Europa League sarebbe rischioso perché da luglio alla Pinetina lavorano sul 3-5-2 e snaturarsi contro la Juve, se da un lato garantirebbe l’effetto sorpresa, dall’altro potrebbe creare squilibri.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE