Match

D’Aversa: «Inter molto forte, non dovremo commettere errrori»

Roberto D’Aversa, allenatore della Sampdoria, ha parlato della partita di domani contro l’Inter nella conferenza stampa tenuta questo pomeriggio. Il tecnico sottolinea in particolar modo la forza dei nerazzurri, ma esterna fiducia nella sua squadra.

IL MERCATO – D’Aversa inizia la sua conferenza parlando del mercato: «Per fortuna è finito il mercato, non è mai semplice lavorare in quel periodo. Devo dire che i ragazzi nonostante le tante voci si sono sempre comportati bene. Devo ringraziare il presidente Ferrero e i direttori sportivi. Oltre al fatto che sono arrivati giocatori importanti come Caputo, che già in passato avevo cercato di portare con me, ci sono dei giovani di talento. Giocatori forti, di prospettiva, che dipende da come crescono il fatto di essere subito pronti per affrontare il campionato italiano. Poi i giocatori che sono rimasti che pensavano potessero partire come Thorsby, Audero, Damsgaard. Devo ringraziare la società e il presidente».

LE SCELTE – D’Aversa parla delle scelte di formazione in particolar modo se schierare Quagliarella e Caputo titolari: «Credo che nel calcio ci sia bisogno di equilibrio, non è discorso se possono giocare Fabio o Ciccio (Quagliarella e Caputo ndr.). Sono giocatori bravi e i giocatori bravi possono giocare insieme. Se si ragiona su altri giocatori bisogna ragionare su un equilibrio di quando si può fare fase offensiva o difensiva. Per caratteristiche possono giocare insieme».

LA SOSTA – D’Aversa parla delle condizioni in cui ha trovato la squadra dopo la sosta per le nazionali: «Quando ci sono le pause ci sono problematiche lavorative. Ci sono tanti giocatori e questo è positivo perché vuol dire che ci sono qualità importanti. Chiaro che sia nel lavoro settimanale, perché ci sono tanti assenti, ma soprattutto poi al rientro con partite ravvicinate porta conseguenze come nel caso nostro che abbiamo perso Ekdal. Ma questo è un problema strutturale. Il calendario porta a partite così ravvicinate e quando non si attuano cambiamenti ci saranno sempre queste problematiche».

UN’INTER FORTE – D’Aversa sottolinea la forza dell’Inter nonostante le partenze importanti del mercato: «Nonostante partenze importanti, Lukaku, Hakimi e soprattutto un allenatore importante che ha dato mentalità importante a questa squadra portandola a vincere lo scudetto, questi giocatori sono stati sostituiti in maniera importante credo che la squadra sia forte. Allenata da un allenatore che stimo molto, lo conosco personalmente, Simone Inzaghi penso sia stata la squadra giusta per il post Conte per quella squadra e quei giocatori. Rimane la squadra favorita per la vittoria del campionato e la singola partita. Il bello del calcio è che il verdetto del campo a volte può essere diverso dalle aspettative iniziali».

COME GIOCARE – D’Aversa parla di come dovrà essere affrontata la partita di domani: «Ci siamo ben comportati sotto l’aspetto tattico e fisico. Abbiamo sempre finito in crescendo tranne col Sassuolo dove negli ultimi minuti abbiamo patito fatica. Domani va affrontata nella stessa maniera con cui abbiamo affrontato il Milan cercando di limitare gli errori. Non portare a casa risultato col Milan e col Sassuolo è dovuto all’imprecisione nelle occasioni non sfruttate e col Milan il gol subito che quando giochi contro queste squadre devi fare la partita al 110% se vuoi portare un risultato positivo, non commettendo errori, cercando di sfruttare le occasioni che sei bravo a costruire. Sono stati bravi i giocatori a costruire certe occasioni contro il Milan, ma devi essere anche bravo a sfruttarle».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button