D’Amico: “Juventus-Inter? Sempre difficile a Torino. Eriksen? Non sposta”

Articolo di
5 Marzo 2020, 21:25
D'Amico
Condividi questo articolo

La decisione di giocare Juventus-Inter a porte chiuse non offre particolari vantaggi ai nerazzurri. Questa l’opinione di Vincenzo D’Amico, che ai microfoni di “TMW Radio” parla anche di Eriksen.

TRASFERTA DIFFICILE – Giocare in trasferta è sempre difficile, anche in caso di assenza della tifoseria casalinga. Secondo Vincenzo D’Amico, in Juventus-Inter non si genereranno grossi vantaggi per gli uomini di Antonio Conte. Questa la sua analisi prima della partita (in programma domenica alle 20.45): «Non so se la Juve riuscirà a sopportare il tridente contro l’Inter, che ha un centrocampo molto folto. Fossi Sarri, non giocherei con il tridente Dybala, Ronaldo e Higuain. Pjanic lo farei giocare anche con una gamba legata. Un vantaggio per l’Inter giocare a porte chiuse? La squadra che gioca fuori casa, indipendentemente dal pubblico, va sempre in trasferta ed è sempre difficile. L’Inter giocherà a Torino e non sarà facile lo stesso anche senza tifosi bianconeri».

POCA ROBA – Infine, D’Amico lancia alcune frecciatine a Christian Eriksen. Il trequartista danese, arrivato all’Inter a gennaio, finora non ha apportato il contributo sperato, secondo l’ex giornalista. Ecco il suo parere: «Titolare a Torino, altrimenti cosa è stato comprato a fare? Non mi sembra un grande giocatore che possa spostare gli equilibri dell’Inter. Finora ho visto poco da parte sua, deve dimostrare di essere il calciatore da comprare a tutti i costi. Personalmente, gli ho visto fare solo una cosa buona in questi mesi: l’assist di esterno destro per Lukaku all’Olimpico sotto la Curva Nord».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE