Analisi tatticaPrimo Piano

Udinese-Inter: Inzaghi prepara bene tutto, poi l’1-2 affretta le (troppe) modifiche

Udinese-Inter vale come reazione parziale dopo il passo falso di Bologna. L’1-2 finale firmato Perisic e Lautaro Martinez (dopo il rigore sbagliato) mette in evidenza pregi e difetti della squadra di Inzaghi, che approccia bene ma cala alla distanza. E i cambi dalla panchina non sono di grande aiuto alla causa. Di seguito l’analisi tattica di Udinese-Inter in Serie A

Pre-Game Analysis: la preparazione e le scelte di Inzaghi

FORMAZIONE – Ecco il 3-5-2 di partenza dell’Inter scelto da Inzaghi per affrontare l’Udinese in Serie A: Handanovic; Skriniar, de Vrij, F. Dimarco; Darmian, Barella, Brozovic, Gagliardini, Perisic; Dzeko, Lautaro Martinez.

Udinese-Inter formazione ufficiale
Udinese-Inter formazione ufficiale

In-Game Analysis: lo sviluppo e la lettura della partita

HIGHLIGHTS – Nel primo tempo, al 12′ ennesimo stacco perfetto di Perisic sul primo palo su calcio d’angolo battuto da Dimarco dalla sinistra (0-1). Poi al 39′ Lautaro Martinez raddoppia di testa ribadendo in rete la palla dopo il rigore – assegnato dal VAR per fallo su Dzeko – calciato sul palo e fortunatamente sfiorato da Silvestri (0-2). Nel secondo tempo, al 72′ Pussetto appoggia in rete da due passi l’assist di Udogie da sinistra, successiva alla parata di Handanovic sulla bella punizione di Deulofeu (1-2). Infine, al 78′ Vidal segna un bel gol in contropiede, peccato che sia in netto fuorigioco sull’assist frettoloso di Correa, che sbaglia i tempi.

MODIFICHE – Nella ripresa, sull’1-2, al 74′ arriva il triplo cambio dell’Inter: fuori Gagliardini, Dzeko e Lautaro Martinez, dentro Vidal, Sanchez e Correa. Tripla staffetta con cambio del tandem offensivo. Al 77′ il quarto cambio di Inzaghi: fuori Dimarco, dentro D’Ambrosio. Proprio come a Bologna, l’italiano si posiziona nel ruolo di terzo destro con Skriniar dirottato sul centro-sinistra per il finale. All’90′ ecco il quinto cambio nerazzurro: fuori Barella, dentro Vecino. Decisione obbligata nel ruolo di mezzala destra dopo l’infortunio dell’italiano per arrivare al triplice fischio finale (come da immagine sotto allegata, ndr).

Udinese-Inter formazione finale
Udinese-Inter formazione finale

Player Analysis: il singolo decisivo in Udinese-Inter visto ai raggi X

PROTAGONISTA – Ormai è anche inutile ripeterlo, sta portando avanti la carretta da solo: Perisic. I compagni si prendono delle pause, più o meno giustificate, il numero 14 croato no. Sulla sinistra è un treno. E sui calci piazzati è una certezza, con i tempi giusti per segnare di testa. Ennesima prestazione da migliore in campo (vedi pagelle di Udinese-Inter), nettamente. E quindi bisogna ricordare un dettaglio: il rinnovo? Il tempo passa e i rischi aumentano. Unico.

Post-Game Analysis: le considerazioni finali su Udinese-Inter

COMMENTO – A Udine si rivede l’Inter tatticamente nella sua miglior versione. Un terzo di spinta in difesa (Dimarco), così come i due quinti di centrocampo altissimi, mentre i tre mediani ruotano continuamente e anche le punte si interscambiano la posizione. Inzaghi prepara al meglio la partita. Funziona tutto bene eccetto un dettaglio non da poco: la precisione sotto porta. Dopo aver visto gli errori del Milan contro la Fiorentina, da Lautaro Martinez e soprattutto Dzeko ci si sarebbe aspettata più cattiveria sotto porta. Così non è stato. Il primo tempo viene condotto con maturità e tranquillità. Ottimi gli scambi e le sovrapposizioni, sebbene ci siano assenti illustri (Calhanoglu e Dumfries su tutti). Il calo, che poi si trasforma in crollo, arriva dopo un’ora di gioco. Inzaghi temporeggia prima di mettere mano alla sua squadra, ma quando lo fa è preso da una certa frenesia. Il triplo cambio di Inzaghi dopo il gol dell’Udinese è un campanello d’allarme: dentro subito tante forze fresche che non c’entrano nulla con i titolari uscenti. Sull’1-2 contano solo i tre punti, quindi ecco – subito – anche D’Ambrosio anziché Gosens. E alla fine il risultato, meritato, arriva senza altri rischi. Giocando così, magari evitando le dormite collettive in difesa, si possono portare a casa altri nove punti in Serie A: bisogna usare la testa, adesso.

OSSERVAZIONE – Le argomentazioni possibili dopo Udinese-Inter sono due. Una pre-partita e una post-partita. Innanzitutto: non era facile vincere a Udine dopo l’1-0 di Milan-Fiorentina. Non è una frase fatta ma la realtà. A livello psicologico, la vittoria rossonera all’82’ avrebbe potuto tranquillamente generare un blackout al gruppo nerazzurro prima di scendere in campo. Non è successo ed è un bene. Perché ora, giocando prima (venerdì contro l’Empoli), i ruoli possono invertirsi: l’Inter ha l’ultimo jolly per tornare momentaneamente in vetta solitaria e obbligare il Milan a vincere, sotto pressione, a Verona. In aggiunta: la prestazione dell’Inter a Udine è esattamente quella che sarebbe servita a Bologna. Vai in vantaggio nel primo tempo (sempre con Perisic…) e cerchi il raddoppio prima dell’intervallo. In ogni caso, pur senza trovarlo e subendo il gol avversario nella ripresa (al di là dell’erroraccio di Radu), se Bologna-Inter finisce 1-1 non è poi un dramma. Essere a -1 con gli scontri diretti a sfavore oppure a -2 cambia tantissimo a tre giornate dalla fine. Il Milan ha ancora il jolly del pareggio da giocarsi, l’Inter deve vincerle tutte e sperare che i rossoneri facciano almeno un passo falso da KO. Difficile ma negli ultimi 270′ più recupero tutto può succedere. Una cosa è certa: l’Inter di Inzaghi ce la metterà tutta per farsi perdonare. Ora testa all’Empoli, poi solo alla Finale di Coppa Italia contro la Juventus.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh