Inter Femminile

Marchitelli: «Addio al calcio giusto. Inter Women cresciuta. Futuro? All’AIC»

Chiara Marchitelli, portiere dell’Inter Women, ha comunicato il suo addio al calcio. Molto bella l’intervista rilasciata per “Inter TV”, in cui ha risposto a diverse domande sulla carriera, sul futuro da consigliere federale all’AIC. Un messaggio anche per le future generazioni

RITIRO GIUSTOChiara Marchitelli ritiene la sua scelta di lasciare il calcio ragionata e molto corretta. le sue parole: «Momento giusto per ritirami. Penso di aver dato tutto quello che potevo e allo stesso tempo. Il calcio mi ha dato tutto quello che volevo. Ho raggiunto importanti soddisfazioni, però sento di non poter dare di più. Età e fisico non mi permettono dare più il 100%, quindi preferisco smettere. Mi ha sempre spaventato il ritiro. Il calcio femminile non ti consente di vivere di rendita. Ma negli ultimi anni, si sono incastrati alcuni tasselli che mi hanno consentito di prendere tranquillamente questa scelta. Non mi spaventa più l’addio al calcio. Non mi aspettavo di emozionarmi, quando ho detto di lasciare il calcio dicendolo alla squadra. Emozionata per la commozione agli occhi delle mie compagne».

CAMBIAMENTO RADICALE − Chiara Marchitelli, inoltre, ha notato una notevole trasformazione del calcio femminile: «Ci sono stati tantissimi cambiamenti da quando ho iniziato a giocare. Non conoscevo nessuna ragazza che giocava a calcio. Ottimo cambiamento culturale e poi grande sviluppo grazie ai club professionistici. Quando io ho iniziato, c’erano diverse difficoltà, bisognava iniziare a lavorare dalle otto di sera. Oggi è un altro mondo».

ESSERE PORTIERE − Marchitelli ha risposto così alla domanda sul suo ruolo da giocatore: «Io mi auguro, da portiere, che più bambine facciano la scelta di giocare a calcio e di scegliere come ruolo quello del portiere. Le squadre devono capire che questo ruolo è fondamentale. Un giorno vorrei fare l’allenatore dei portieri».

TANTE BELLE PERSONE − Marchitelli ha voluto raccontare anche i suoi momenti più importanti: «Tanti momenti belli e anche pesanti. Uno di preciso non ne ho, ma alcune persone sono state importantissime, sono nel mio cuore. Ringrazio il calcio per questo: giocatori, allenatori… Quando sono arrivata all’Inter Women, ho trovato una squadra giovane che ancora non aveva giocato la Serie A. Le ragazze non avevano ancora la consapevolezza di essere atlete sia dentro che fuori dal campo. Oggi, l’hanno trovata».

FUTURO − Per Chiara Marchitelli, si preannuncia una carriera da dirigente per far crescere ancor di più il calcio femminile: «Ho fatto la scelta di diventare consigliere federale. Siamo un gruppo di lavoro di cui fanno parte anche Sara Gama, Alice Parisi e Marta Carissimi all’intero dell’AIC. Abbiamo iniziato ad interessarci del calcio femminile perché ritengo che è inutile lamentarsi è basta, ma bisogna rimboccarci le maniche e fare delle cose».

ALLE FUTURE GIOCATRICI − Infine, Chiara Marchitelli ha voluto lanciare un messaggio per le nuove generazioni: «Spero di essere stata un esempio per qualcuno, in particolare nel ruolo. Dico alle generazioni future, che hanno una grossa opportunità. Nessuno però regala nulla, quindi bisogna lavorare sempre».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh