Vecino da 10 per contrastare tutte le teorie incomprese sull’Inter di Spalletti

Articolo di
27 ottobre 2018, 23:47
Vecino Spalletti

Vecino si sta preparando per rispondere eventualmente “presente” all’ennesima emergenza di formazione in casa Inter, studiando da Nainggolan per soddisfare le richieste di Spalletti. E tutti gli altri compagni devono adeguarsi a questa situazione

VECINO N.10 – L’assenza di Radja Nainggolan costringe Luciano Spalletti a fare determinate scelte per sopperire al vuoto tecnico-tattico creatosi nel cuore della trequarti della sua Inter e, tra le varie opzioni a disposizione del tecnico contro la Lazio (QUI il focus tattico dedicato), nelle ultime ore sta prendendo quota la meno attesa: Matias Vecino trequartista. Che non sarebbe nulla di strano vista la duttilità del centrocampista uruguayano, anzi, considerando le ultime prestazioni, gli “strappi verticali” di cui parla spesso Spalletti si sposano benissimo con il compito tecnico-tattico del numero 10 ideale nel 4-2-3-1 spallettiano. Ma qualcosa (a qualcuno) non torna.

TUTTI BOCCIATI – L’eventuale utilizzo di Vecino sulla trequarti andrebbe a toccare più situazioni all’interno della rosa dell’Inter. Innanzitutto verrebbe meno il discorso legato alla miglior coppia sulla linea mediana, quella in cui Vecino fa da spalla al regista Marcelo Brozovic, che a questo punto verrebbe affiancato dall’alter ego Roberto Gagliardini. Ci sarebbe la bocciatura di Borja Valero dal primo minuto, ragionevole visto il suo apporto nettamente migliore a partita in corso. Ci sarebbe la conferma del no a Joao Mario, che vorrebbe agire da mediano “alla Vecino”, ma Spalletti per ora non lo vede lì né tantomeno in emergenza da trequartista titolare.

SPALLETTISMO – Inoltre ci sarebbe la bocciatura di tutti gli altri giocatori duttili arruolabili nel cuore della trequarti piuttosto che altrove: infatti, mentre Matteo Politano va verso la maglia da titolare come ala destra – ruolo in cui può rendere meglio anziché al centro -, i vari Antonio Candreva, Keita Baldé e soprattutto Lautaro Martinez rischiano di iniziare un’altra partita dalla panchina perché non danno le giuste garanzie tecnico-tattiche a Spalletti. Di conseguenza, Vecino numero 10 andrebbe a contrastare tutte le teorie sull’Inter di Spalletti, che continua a non essere capito dalla critica: gli equilibri tattici sono importanti, non basta la tecnica. E Vecino da trequartista, seppur conferendo un assetto più difensivo a tutta l’Inter, garantisce l’esecuzione di quei compiti spallettiani. Ammesso che non sia solo pre-tattica…

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE