Focus

Tra Brozovic ed Eriksen c’è un nuovo equilibrio: manovra Inter cambiata

Affiancare Eriksen a Brozovic è stata una scelta di Conte che ha cambiato l’intera manovra dell’Inter. I nerazzurri ora hanno due registi.

COPPIA IN REGIA – Il centrocampo dell’Inter è cambiato. E questo cambiamento ha portato una modifica netta nel gioco di Conte. Praticamente subito. La chiave ha un nome e un cognome: Christian Eriksen. Schierato in coppia con Brozovic il danese ha portato una serie di soluzioni nuove. Elevando il livello dell’intera squadra.

IMPOSTAZIONE DAL BASSO – La prima differenza è nell’impostazione da dietro. L’uscita della palla dalla difesa è una storica responsabilità di Brozovic, che come vertice basso del centrocampo stazionava davanti ai difensori aiutando la circolazione. Non a caso i suoi numeri in termini di palloni giocati e passaggi medi (terzo di tutta l’Inter dopo Bastoni e Skriniar) sono sempre stati altissimi. Un lavoro spesso sottovalutato, anche dai tifosi nerazzuri. Il problema è che gli avversari hanno iniziato a pressarlo o schermarlo in modo specifico. E questo spesso ha creato una certa siccità nella manovra. La presenza di Eriksen cambia il panorama. Conte ora ha due registi potenziali in squadra, che spesso partono affiancati o quasi proprio davanti alla difesa. La manovra può passare da uno o dall’altro. E gli scambi tra i due avvengono rapidi. Il gioco è più vario, più veloce e più qualitativo. Quindi meno arginabile. Anche perché si coprono le spalle a vicenda: se uno sale per seguire la palla o per sfuggire al pressing, sa che basso rimane un altro regista. Mantenedo inalterata la qualità dell’impostazione.

RESPONSABILITA’ DIVISE – Da sottolineare anche il fatto che nonostante le poche prove i due sono già una coppia vera. Brozovic non è geloso del suo nuovo gemello in regia. Anzi sta dimostrando di essere ben disposto a dividere oneri e onori. Contro il Milan Eriksen lo ha superato per palloni toccati e passaggi. Pur giocando 20 minuti in meno. Il croato, coperto dal piano partita di Pioli, gli ha lasciato la regia, occupandosi del lavoro sporco e distillando la sua qualità in meno tocchi. Una divisione di responsabilità che sta avvenendo in modo naturale. Migliorando lo sviluppo del gioco di Conte.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh