Tosel, sentenza inutile: questa volta Melo l’ha squalificato l’Inter

Articolo di
23 dicembre 2015, 12:00
melo

Fa sorridere, in casa Inter, l’arrivo dell’ora X: il giudice sportivo Gianpaolo Tosel ufficializza le varie sentenze. Che siano squalifiche, multe o semplici note di demerito, l’Inter è sempre presente e si fa riconoscere. Questa volta, però, nel caso di Felipe Melo, il provvedimento vero lo ha preso la società

TOSEL DICE TRE – Dall’imminente post-partita di Inter-Lazio non si parlava d’altro: ma quante giornate daranno a Felipe Melo dopo il brutto fallo su Lucas Biglia? Non tarda ad arrivare la sentenza di Gianpaolo Tosel: ben tre giornate a Melo! La motivazione, però, fa sorridere come al solito: “Per condotta violenta avendo, al 45° del secondo tempo, a giuoco in svolgimento, colpito volontariamente un avversario con un calcio all’altezza della spalla”. Letta così, sembrerebbe che Melo sia andato direttamente sulla spalla di Biglia senza interessarsi del fatto che si stesse giocando una partita di calcio. E non è per difendere Melo, che né ne ha bisogno né se lo merita – visto che l’errore lo ha fatto e deve giustamente pagarne le conseguenze stando lontano dal campo -, ma mi sembra francamente eccessivo farla passare così. Aggiungere qualche altro dettaglio alla motivazione data non sarebbe stato malvagio, ma forse avrei chiesto troppo. Ripeto, per evitare fraintendimenti: Melo, comunque, le tre giornate di squalifica le merita.

INTER DICE OK – Al pari della sentenza di Tosel – come rito consueto -, si attende il ricorso, che spesso e volentieri non ha senso. Spesso una società ricorre perché spera di ridurre la pena a un giocatore importante, volentieri Tosel non si interessa della vicenda e conferma quanto sentenziato la prima volta. Se poi c’è di mezzo l’Inter, magari è più probabile che le tre giornate diventino quattro. Ma non sono qui per fare polemica, anzi. In questa occasione, giustamente, l’Inter si attiene alla pena inflitta al centrocampista brasiliano: tre giornate date? E tre giornate siano! Attenzione: l’Inter poteva benissimo far ricorso, come fa chiunque (anche e soprattutto) a torto, ma decide di evitare questa pratica. Non tanto perché avrebbe ricevuto la solita seccata respinta firmata Tosel, bensì perché le tre giornate di squalifica per Melo le ha decise la società stessa e dunque Roberto Mancini: fuori dall’undici titolare dopo la follia di domenica sera, tornerà quando avrà espiato le proprie colpe. Mai come in casi come questo il pugno duro può servire: Melo è il tipico giocatore che va trattato con bastone e bastone, perché la carota né lo sazia né la digerisce. E va bene così: capirà. E tornerà più forte di prima. A prescindere da Tosel.

Condividi questo articolo

Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer





ALTRE NOTIZIE