Focus

Stefan Radu segue Inzaghi? Sarebbe l’erede perfetto per il ruolo di Kolarov

L’Inter per puntellare la difesa potrebbe puntare su Stefan Radu. Il difensore della Lazio è un fedelissimo di Inzaghi.

NUOVO DIFENSORE – Un anno fa Conte sul mercato ha cercato Kolarov. Il serbo serviva come alternativa sulla sinistra della difesa, un’opzione di qualità ed esperienza dietro a Bastoni. L’esperimento non è andato benissimo per motivi fisici, e infatti ora serve un nuovo difensore. L’arrivo di Inzaghi sulla panchina dell’Inter chiama un’opzione: Stefan Radu.

STAGIONE SOLIDA – Il mancino della Lazio è indubbiamente un elemento di esperienza. In biancoceleste addirittura da gennaio 2008, negli anni è stato praticamente sempre un titolare della squadra. Tanto che in tredici stagioni e mezza è diventato il giocatore con più presenze nella storia del club. Sia in Serie A che assolute. Radu ha chiaramentre vissuto anche tutta l’era Inzaghi, ed è tra i giocatori di riferimento del tecnico che nei suoi anni non gli ha mai fatto fare meno di 30 presenze. Una sicurezza sulla sinistra della difesa. Nel 2020-2021 il rumeno ha giocato 33 partite per un totale di 2600 minuti, per una media di 79 minuti a gara. Un titolare. Questa è la sua heatmap stagionale presa da Whoscored:

Come evidente il suo ruolo è sulla sinistra, pronto anche ad alzarsi per aiutare il possesso. In biancoceleste è stato uno dei giocatori con più passaggi e tocchi di palla, quarto per km percorsi. Al suo attivo anche tre assist. Un elemento solido e affidabile.

AFFARE A ZERO – C’è un motivo in più per considerare Radu come opzione per la difesa. Il rumeno è in scadenza di contratto, e quindi può firmare a zero. Il classe 1986 potrebbe quindi riicongiungersi col suo allenatore con costi decisamente contenuti. Anche come stipendio. E fare da punto di riferimento per Inzaghi nello spogliatoio, anche per portare i suoi dettami tattici.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button