Focus

Spalletti rimasto con esterni atipici, perché scartare ipotesi Inter a 3 dietro?

Spalletti deve inventarsi qualcosa per far uscire l’Inter dalla crisi tecnico-tattica, ma sopratutto d’identità e risultati in cui si è trovata a inizio 2019: non potendo contare più su esterni puri, perché non puntare sulla difesa a tre pura già a Parma?

PROBLEMA TATTICO – Le ultime prestazioni deludenti dell’Inter non hanno dato grandi spunti dal punto di vista tecnico-tattico, soprattutto considerando che le cose migliori si sono viste con Andrea Ranocchia centravanti… E proprio l’impostazione della difesa fa riflettere – o quanto meno dovrebbe – Luciano Spalletti, che può contare solo su tre centrali difensivi di sicuro affidamento, mentre lo stesso non può dirsi per nessuno degli esterni – né bassi né alti -, ma soprattutto per i mediani. Da qui l’ipotesi più banale: coprirsi con la difesa a tre pura per puntare sulla densità in mezzo al campo e lasciare libertà offensiva? Finora Spalletti non ci ha mai pensato.

ESTERNI ATIPICI – Gli esterni rimasti ad Appiano Gentile, dopo l’infortunio di Sime Vrsaljko e la squalifica di Matteo Politano (rientrerà dopo Parma), e in attesa di recuperare completamente Keita Baldé, non danno la possibilità a Spalletti di schierare la migliore Inter con la difesa a quattro e la doppia catena laterale: Danilo D’Ambrosio ormai dà più garanzie da terzo di difesa che da terzino di contenimento, Antonio Candreva è praticamente nullo da ala, mentre Kwadwo Asamoah e Ivan Perisic alla lunga hanno dimostrato di pagare gli effetti della doppia fase di gioco e forse andrebbero “sganciati” per permettere loro di tornare su livelli prestativi più alti. Si tratta di esterni atipici, per un motivo o per un altro poco utili nel proprio ruolo.

PROPOSTA INNOVATIVA – Di fatto, i migliori esterni a disposizione di Spalletti per la trasferta di Parma sono gli stessi che hanno brillato nella sconfitta casalinga contro il Bologna: la novità Cedric Soares a destra e il rinato Dalbert a sinistra, entrambi terzini, nati per giocare a quattro, ma più adatti a spingere giocando a tutta fascia. Potendo schierare in difesa Stefan de Vrij centrale per “guidare” l’ottima coppia difensiva della passata stagione – Milan Skriniar alla sua destra e Joao Miranda a sinistra, o viceversa -, con Cedric Soares e Dalbert più alti sulla linea del regista Marcelo Brozovic, dove Asamoah potrebbe agire da mediano (in attesa del migliore Radja Nainggolan, il calo di Matias Vecino e Roberto Gagliardini è preoccupante) e Joao Mario a legare i due reparti, con in attacco Mauro Icardi supportato da Perisic, forse l’Inter potrebbe trovare una nuova natura tecnico-tattica per provare a reagire.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh