Skriniar, futuro all’Inter in bilico? L’ombra di Smalling incombe

Articolo di
12 Agosto 2020, 14:18
Milan Skriniar Atalanta-Inter Milan Skriniar Atalanta-Inter
Condividi questo articolo

Milan Skriniar sta vivendo un finale di stagione inatteso con la maglia dell’Inter. Diego Godin ja ripreso il posto sul centrodestra della difesa di Conte, e lo slovacco è diventato una riserva. Segnali di una separazione a fine stagione? Forse è prematuro, ma l’ombra di Smalling inizia ad incombere.

SPAESATOMilan Skriniar sta attraversando il suo peggior momento con l’Inter, da quando arrivò nel 2017. In questa stagione – la prima sotto la guida di Antonio Conte – lo slovacco ha faticato più del previsto. Dopo alcune titubanze sul centrosinistra della difesa a tre, lo spostamento sul versante opposto ha migliorato le cose. La sensazione di granitica solidità che lo rendono un idolo indiscusso della tifoseria nel biennio con Luciano Spalletti non si è però più vista. Colpa del cambio di modulo, con conseguente aumento della zona di campo da coprire? Probabile, ma è indubbio che Skriniar abbia lavorato alacremente da inizio anno per arrivare a offrire le prestazioni richieste da Conte.

PICCHI – Non a caso, fino al lockdown Skriniar era il terzo giocatore più utilizzato nell’Inter, dietro a Samir Handanovic e Romelu Lukaku. 33 presenze da titolare tra tutte le competizioni, di cui 31 giocate per intero. Uniche eccezioni le sostituzioni contro Cagliari (in Serie A) e Napoli (in Coppa Italia). Assieme a Stefan de Vrij ha rappresentato la certezza di continuità nella retroguardia nerazzurra, dopo l’ottimo affiatamento sviluppato lo scorso anno. Conte ha riconosciuto il ruolo di Skriniar anche nello spogliatoio, tanto da premiarlo con la fascia da capitano in Udinese-Inter del 2 febbraio.

MERITI – Ecco perché viene ancor più difficile provare a comprendere il trattamento di queste ultime settimane. Nelle ultime quattro di campionato Skriniar ha giocato solo due volte, rimanendo in panchina contro Fiorentina e Napoli. In Europa League riposo totale contro il Getafe, e appena sei minuti contro il Bayer Leverkusen. Soprattutto in Europa lo scarso minutaggio deriva anche dallo straordinario momento di forma che sta vivendo Diego Godin (nominato tra i migliori 11 dei quarti di finale). E se si considera la condizione che stanno vivendo i tre difensori più impiegati (de Vrij e Alessandro Bastoni oltre all’uruguaiano) l’intenzione di cercare una vis polemica dietro l’esclusione di Skriniar viene meno. In questo momento la retroguardia schierata da Conte contro Getafe e Bayer Leverkusen offre più garanzie.

OMBRE – Tuttavia questo non impedisce il fiorire di rumors di mercato attorno al futuro di Milan Skriniar. Il difensore classe 1995 non ha mai detto nulla al riguardo, né ha fatto trapelare nulla tramite l’agente. Cionostante, le recenti esclusioni hanno portato diversi esperti di mercato a trasformarlo in una pedina di scambio per i futuri colpi di mercato dell’Inter. Skriniar è tra i giocatori con più mercato (e più valore) della rosa dell’Inter, e il suo decrescente impiego sembra portarlo sempre più nella ristretta rosa dei cosiddetti “sacrificabili”. Dovesse partire, Conte avrebbe già indicato Chris Smalling come sostituto ideale. Un cambio che però convince poco, sia per motivi anagrafici (l’inglese ha cinque anni più dello slovacco). sia economici, viste le recenti difficoltà nelle trattative col Manchester United. La speranza è che non sia sufficiente una stagione sottotono per spingere la dirigenza a liberarsene in fretta, salvo eventuali offerte monstre.



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE