Serie A – I promossi e i rimandati della tredicesima giornata

Articolo di
21 Dicembre 2020, 08:42
Logo Serie A Inter-News Logo Serie A Inter-News
Condividi questo articolo

Serie A 2020-2021, si è chiusa ieri la tredicesima giornata di campionato (qui risultati e classifica). Di seguito i promossi e i rimandati del penultimo round del 2020.

Col posticipo Lazio-Napoli di ieri sera si è chiusa la tredicesima giornata del campionato di Serie A. Questo turno ha visto probabilmente la creazione della prima “mini fuga” del campionato, le vittorie di Milan, Inter e Juventus e le contemporanee sconfitte di Napoli e Roma hanno infatti permesso alle tre big di creare un primo piccolo solco sul resto della classifica. Ancora troppo presto per parlare di fuga scudetto, ma il 2020 sembra proprio potersi chiudere all’insegna delle tre grandi tradizionali del calcio italiano. Sorridono Atalanta e Lazio che, con le importanti vittorie contro Roma e Napoli, si riavvicinano al gruppo Champions League. Per quanto riguarda la lotta salvezza importante vittoria del Benevento sul Genoa, partita che costa la panchina al tecnico rossoblù Rolando Maran. Di seguito i promossi e i rimandati di questo turno di Serie A.

SERIE A, TREDICESIMA GIORNATA: I PROMOSSI

ATALANTA – L’Atalanta di Gian Piero Gasperini è la grande promossa di giornata. I nerazzurri travolgono la Roma, ritrovano il loro gioco e i loro gol e dimostrano che, almeno per il momento, gli strascichi del “caso Gomez” non sembrano aver influito sul rendimento della squadra. I bergamaschi danno quindi seguito all’ottima prova contro la Juventus, rilanciando la loro candidatura almeno per confermarsi nella zona Champions League.

LAZIO – La Lazio di Simone Inzaghi è stata protagonista di un avvio in chiaroscuro, ma conferma la sua tendenza a non fallire le partite importanti. Contro il Napoli arriva una vittoria convincente che servirà sicuramente a consolidare ulteriori certezze nel club capitolino. Con i tre punti, ancora in uno scontro diretto, i biancocelesti si riavvicinano al gruppo della Champions League.

JUVENTUS – La trasferta di Parma era potenzialmente piena di insidie per la Juventus di Andrea Pirlo, alle prese con numerose critiche e al cospetto di una squadra che è stata comunque capace di rallentare il Milan e l’Inter. Al Tardini è arrivata una vittoria netta, convincente e mai in discussione. Si è poi rivisto il vero Cristiano Ronaldo, dopo la “vacanza” presa contro l’Atalanta. In troppi danno per scontato che per i bianconeri sia giunto il momento dell’abdicazione in Serie A, ma i Campioni d’Italia non sembrano aver intenzione di lasciare lo scudetto senza lottare.

SERIE A, TREDICESIMA GIORNATA: I RIMANDATI

ROMA – Gli elogi riservati alla squadra di Paulo Fonseca nelle ultime settimane erano senza dubbio meritati, ma contro l’Atalanta arriva la seconda goleada subita in un big match dopo quella contro il Napoli. La sensazione è che la Roma, anche quando ha una sua precisa identità di cui bisogna dare i meriti al tecnico portoghese, cada sempre nei suoi difetti storici, tra i quali quello di spegnersi clamorosamente nel momento meno opportuno. La sconfitta di Napoli poteva essere una serata storta, quella di Bergamo comincia a essere un campanello d’allarme.

GENOA – Dopo le buone prestazioni contro Juventus e Milan arriva una sconfitta sicuramente dolorosa sul campo del Benevento in uno scontro salvezza particolarmente importante. I rossoblù dimenticano i progressi delle ultime settimane e cadono in una partita che non era da fallire. A pagare per tutti è il tecnico Rolando Maran, che non mangia il panettone a nemmeno una settimana da Natale. A Genova ci si prepara per l’ennesimo ritorno di Davide Ballardini, con la speranza che riesca a dare la tanto desiderata inversione di rotta.

NAPOLI – Ci sono tante attenuanti per il Napoli di Gennaro Gattuso, una su tutte le tante, troppe assenze. Il tecnico si è dovuto presentare a Roma contro la Lazio con quello che aveva a disposizione ed è arrivata la seconda sconfitta consecutiva in un big match. Per il Napoli già la quinta sconfitta, quarta sul campo: ha perso contro Milan, Inter e Lazio, volendo contare come caso a parte la Juventus. Troppe per una squadra che era, ed è tutt’ora, accreditata come una pretendente al titolo.



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.