Focus

Sensi, stagione dai due volti: inizio sprint, poi infortuni. Riscatto a rischio?

Stefano Sensi ha vissuto questa sua prima stagione con la maglia dell’Inter a tinte chiaro-scure. Ad un inizio di stagione scintillante è seguito un periodo buio, costellato da numerosi infortuni che non gli hanno permessi di calcare il campo con continuità. Il riscatto dal Sassuolo, adesso, è a rischio?

DUE VOLTI – Stefano Sensi, al suo primo anno con l’Inter, sta vivendo una stagione dai due volti. Nella prima parte di stagione, il centrocampista italiano, si era distinto grazie ad un rendimento di altissimo livello. Dopo sei partite di campionato, infatti, il bottino personale ammontava a 3 gol ed altrettanti assist. Numeri da top player. Poi l’infortunio durante Inter-Juventus: problemi muscolari che, a causa delle ricadute, tengono lontano il calciatore dal campo fino a gennaio. Ma che Sensi è tornato dall’infortunio? Il calciatore sembrava aver smarrito le sicurezze. È sembrato spaesato ed incapace di fare la differenza negli ultimi 30 metri, come ad inizio stagione. Nel gioco di Antonio Conte la mezzala, alla qualità, deve abbinare una condizione atletica di alto livello. Condizione che, alla luce degli infortuni continui, Sensi non è riuscito a recuperare. L’arrivo di Eriksen, giocatore per certi versi simile al talento italiano, fa pensare che si potrebbe fare a meno del numero 12 nerazzurro.

RISCATTO A RISCHIO? – Con l’arrivo di Christian Eriksen a gennaio, giocatore dallo status ed esperienza superiore a quella di Sensi, si è paventata la possibilità di non riscattare il calciatore, arrivato in prestito dal Sassuolo. Ma sarebbe un errore. Sensi ha dimostrato, con una condizione fisica adeguata, di essere un calciatore di alto livello, capace di fare la differenza. È stato il motore che ha spinto l’Inter nella prima parte di stagione. Il calo della seconda parte di stagione è da imputare dalla sfortuna, che pare non abbia smesso di perseguitare il centrocampista nerazzurro, colpito nelle scorse settimane dall’ennesimo infortunio. Ma, con il ritorno ad una condizione fisica adeguata, potrà dire la sua. Anche con Eriksen in campo. Specie se Conte deciderà di cambiare idea tattica, sposando il 4-3-1-2 visto contro il Ludogorets.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.