Focus

Sensi sparito dai radar. Pochi minuti in campo: rilancio in Inter-Spezia?

Stefano Sensi sta trovando sempre meno spazio nell’Inter di Inzaghi. Un minutaggio scarso, figlio della precauzione o di problemi fisici non ancora superati? Rilancio possibile in Inter-Spezia?

MINUTAGGIO SCARSO – Stefano Sensi, in questa stagione, avrebbe dovuto essere un uomo chiave del centrocampo dell’Inter. Il talento ex Sassuolo, infatti, complice l’assenza forzata di Eriksen ed i dubbi iniziali su Calhanoglu, avrebbe dovuto ritagliarsi uno spazio consistente ed un minutaggio importante con Simone Inzaghi. Ma gli infortuni di inizio stagione, questa volta di natura traumatica, ne hanno segnato il percorso di inserimento. Anche di ritorno dall’infortunio, il numero 12 nerazzurro, ha raccolto pochi minuti sul terreno di gioco: dal 24 ottobre, infatti, ha giocato appena 16′ in Serie A, con un cameo di 4′ a novembre in Champions League contro lo Shakhtar Donetsk.

RISORSA – Sensi rappresenta una potenziale risorsa per Inzaghi: Calhanoglu a parte, infatti, non esistono centrocampisti nella rosa nerazzurra con le sue caratteristiche. Se non da titolare, nei finali di partita, un calciatore con la sua proprietà di palleggio, sarebbe servito per addormentare il gioco ed abbassare i ritmi, per rischiare il meno possibile. Inter-Spezia, in programma domani alle 18:30, diventa quindi cruciale: un altro 0 nella casella minuti per Sensi vorrebbe dire la quasi totale estraneità al progetto di Inzaghi. E, a quel punto, a gennaio non è da escludere una possibile cessione.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button