Focus

Sensi, abbiamo un problema: altro infortunio in Sampdoria-Inter

Sampdoria-Inter ha visto tra i suoi protagonisti Stefano Sensi. Purtroppo in negativo, visto che il centrocampista ha subito l’ennesimo infortunio lasciando la squadra in dieci.

ANCORA INFORTUNATO – Ed eccoci ancora qui. Dopo la querelle per il suo addio anticipato alla nazionale per precauzione Stefano Sensi ha giocato in Sampdoria-Inter. Peccato si sia rotto lo stesso, di nuovo. Stavolta in un contrasto. Entrato a gara in corso su un pallone in area avversaria lui e un difensore cercano di calciare la sfera. Il numero 12 ha la peggio, rimediando un problema a un ginocchio. Da valutare, ma con scarse speranze. Il giocatore ha stretto i denti ed è rimasto in campo, ma alla fine è stato costretto a uscire.

INAFFIDABILE – Il problema è il solito. Sensi ha dato l’ennesima conferma della sua inaffidabilità. Fisica, non tecnica. Conta poco l’infortunio sia traumatico e non muscolare. Semmai aggiunge la beffa al danno. Nella partita Inzaghi gli aveva dato fiducia, mettendolo per cercare il guizzo finale. Il contrasto fatale gli ha lasciato la squadra con un uomo in meno per quasi quindici minuti. Costringendo Correa a scalare tra i centrocampisti. Invece che una soluzione, il doppio dei problemi.

DI NUOVO NEL TUNNEL – Questa ennesima situazione impone una valutazione complessiva. Sensi poteva iniziare una nuova era con Inzaghi, libero dai fatasmi del biennio Conte. Vissuti come un calvario infinito, una sorta di tunnel la cui uscita è stato il cambio di allenatore. Ma adesso, dopo un’estate con una preparazione specifica proprio per preservare una muscolatura tanto sensibile, è già arrivato un problema. Che ha causato un danno generale. Il timore è che sia pure di non semplice risoluzione. L’Inter quindi subisce un danno doppio. E il numero 12 si trova di nuovo a dover inseguire. Di nuovo nel tunnel. Con sempre meno alibi.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button