Focus

Sassuolo-Inter, -7: Conte, altro tabù Pioli! Candreva anello di congiunzione

Sassuolo-Inter si giocherà domenica prossima alle 12:30: il Mapei Stadium di Reggio Emilia è diventato autentico tabù per i nerazzurri e Conte vuole i 3 punti per sfatare la maledizione come fatto contro la Lazio a San Siro (QUI il focus precedente la vittoria contro i biancocelesti). L’ultimo tecnico a fare bottino pieno, anche in questo caso, fu Pioli: Candreva attore protagonista, decise quel match di quasi tre anni fa e si appresta a ritrovare una maglia da titolare dopo la sosta

MALEDIZIONE MAPEISassuolo-Inter di domenica prossima segnerà la ripresa del campionato nerazzurro dopo la sosta e Antonio Conte non pensa ad altro che ottenere i tre punti per ricominciare a correre dopo la sconfitta contro la Juventus. La trasferta di Reggio Emilia è entrata a pieno titolo nell’elenco delle partite stregate nelle ultime stagioni ed è arrivato il momento di invertire il trend: in sei stagioni l’Inter ha vinto solo in due occasioni (settembre 2013 e dicembre 2016) perdendo tutte le altre quattro sfide. Questo lo storico di Sassuolo-Inter dal 2013 al 2018: 0-7, 3-1, 3-1, 0-1, 1-0, 1-0. Roberto Mancini e Luciano Spalletti usciti sconfitti entrambe le volte, Walter Mazzarri e Stefano Pioli il primo e l’ultimo a espugnare il Mapei Stadium. L’ultimo successo nerazzurro risale quindi a quasi tre anni fa, all’inizio del ciclo targato Pioli che si sarebbe poi arrestato a febbraio fino all’inesorabile crollo culminato con il settimo posto finale. A decidere quel match fu un gol di Antonio Candreva, alla sua prima stagione interista.

SASSUOLO-INTER COME INTER-LAZIO – Curiosa l’analogia tra due che nelle ultime stagioni dell’Inter si sono rivelate partite maledette: Pioli era stato l’ultimo allenatore nerazzurro a vincere un Sassuolo-Inter esattamente come un’Inter-Lazio. Prima che Conte riuscisse a sfatare il tabù battendo gli uomini di Simone Inzaghi a San Siro 1-0 con gol di Danilo D’Ambrosio, l’ultimo successo risaliva sempre al dicembre 2016 con Pioli allenatore. Ecco quindi che il tecnico nerazzurro rimette nel mirino il neo allenatore del Milan per far valere la legge dei grandi numeri e tornare a Milano con tre punti che sarebbero di fondamentale importanza per lasciarsi alle spalle la delusione della sconfitta interna con annesso sorpasso in classifica della Juventus di Maurizio Sarri.

RIFLETTORI PUNTATI SU CANDREVA – Candreva, dicevamo. L’87 nerazzurro fu il match winner dell’ultimo successo dell’Inter in terra emiliana: era l’anno del suo arrivo dalla Lazio, quello della sua miglior stagione in termini realizzativi. Oggi Candreva è tornato ad avere un ruolo importante nella formazione nerazzurra, esterno di centrocampo a tutta fascia secondo i canoni di Conte: tre anni fa era l’ala destra titolare, oggi un uomo ritenuto affidabile dal tecnico che lo aveva valorizzato con l’Italia dal 2014 fino agli Europei del 2016 che avevano preceduto il suo trasferimento a Milano. Con tutta probabilità sarà in campo dal primo minuto domenica prossima, complice anche il fatto che D’Ambrosio tornerà ad Appiano Gentile da infortunato e che anche Valentino Lazaro sarà reduce dal doppio impegno con l’Austria quando Candreva ha avuto a disposizione una settimana e mezzo per convincere Conte a ridargli una maglia da titolare.

INCROCIO, ANELLO DI CONGIUNZIONE E CERCHIO DA CHIUDERE – Il secondo incrocio a distanza Pioli-Conte ha quindi Candreva come anello di congiunzione: l’obiettivo è chiudere il cerchio e dimenticare la serie negativa dell’Inter con il Sassuolo che non si limita alla trasferta ma si estende anche alle sfide di San Siro, con i nerazzurri che tra le mura amiche non battono i neroverdi dal settembre 2014 (altro 7-0, sempre con Mazzarri). Ora testa a Reggio Emilia, c’è un incantesimo da spezzare e si chiama Sassuolo-Inter. Per Inter-Sassuolo ci sarà tempo.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.