Focus

Nota tattica di Inter-Bologna: un Lukaku molto diverso dal solito

“Nota tattica”, una rubrica che mira a sottolineare un dettaglio, in positivo o in negativo, dell’ultima partita dell’Inter. Dopo Inter-Bologna parliamo della prestazione di Lukaku.

GARA DIVERSA – Lukaku è al centro dell’Inter e del progetto tattico di Conte. Questo si sa dal primo giorno e l’ultima conferma per chi avesse dubbi è arrivata in Champions League pochi giorni fa. Contro il Bologna il belga ha trovato il gol che ha sbloccato la partita ed è stato un elemento importante del gioco. Però in un modo decisamente diverso dal solito.

MENO TOCCHI – Il numero 9 nel calcio di Conte è abituato a stare al centro del gioco. E intendo in senso letterale, toccando molti palloni, diventando una specie di regista offensivo per lo sviluppo del gioco. Contro il Bologna lo ha fatto, ma come dicevamo in modo diverso dal solito. Questa è la grafica dei suoi tocchi di palla, presa da Whoscored:

Se vi appare strana lo capisco. Non c’è nessun errore, sono solo 16. In totale. Con 8 passaggi. E Lukaku di media sta oltre i 22 passaggi, per intenderci. Chiariamo un punto: questo dato non è merito degli avversari, ma una scelta precisa di Conte.  Col Bologna il belga è stato come liberato dai compiti di regia, presi da Sanchez che non a caso ha 64 tocchi, ma anche da centrocampisti ed esterni. Lui così ha potuto distillare la sua qualità. Poche cose, ma migliori. Non sempre a lottare spalle alla porta per ripulire 50 palloni. Stancandosi meno e giocando una partita di alto livello.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button