Focus

Nota tattica di Inter-Atalanta: Skriniar si prende lo scettro di leader

“Nota tattica”, una rubrica che mira a sottolineare un dettaglio, in positivo o in negativo, dell’ultima partita dell’Inter. Dopo Inter-Atalanta parliamo della partita di Skriniar.

LEADER SUL CAMPO – Il percorso di Milan Skriniar all’Inter sembrava praticamente finito. Non tanto tempo fa. Parliamo di qualcosa come cinque mesi fa. Lo slovacco ha dovuto sostanzialmente aspettare novembre per tornare dentro la squadra. E a quel punto ha dimostrato gara dopo gara un cambiamento netto. Lo scorso anno, difficile fin dall’inizio e finito all’ombra della panchina, è totalmente alle spalle. La sua firma sulla vittoria con l’Atalanta è la certificazione. C’è un nuovo leader in città.

PRESTAZIONE SOLIDA – Questa è la mappa dei suoi tocchi, presa da Whoscored:

In una gara fisica e difensiva il numero 37 ha dato tutto il meglio del suo repertorio. Con una difficoltà specifica: Gasperini infatti gli aveva messo addosso Zapata. Il colombiano ha giocato sul centrosinistra dell’attacco per tutta la partita. Un avversario tosto, sia nel duello fisico che in quello a campo aperto. Che Skriniar ha gestito con calma, concentrazione, carattere, forza e tecnica. Ha fatto registrare 14 recuperi ed è stato il quarto per km percorsi con 10,935. Tutto utile per tenere a zero la casella dei gol subiti. Ma lo slovacco non si è accontentato.

LA CILIEGINA – Il gol partita, non dimentichiamolo, porta la sua firma. Un destro preciso in mischia. Quello che serviva per poi tornare nella propria area a difendere Handanovic a spada tratta. Il dato curioso è che lo slovacco è il giocatore di Conte con più tiri della gara. Skriniar con questa prestazione si è preso a pieno diritto i galloni del leader.

 

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button