Focus

Il Napoli di Spalletti ha qualità, Anguissa in mezzo e una solidità rara

Il Napoli di Spalletti è forse la miglior squadra in assoluto di questa prima parte di campionato. I numeri sono tutti di alto livello, ma spicca la solidità difensiva.

TATTICAIl modulo di riferimento di Spalletti è il 4-2-3-1, interpretato in quello che ormai è il modo classico. Vale a dire con due ali a piede invertito e un trequartista incursore dietro a una prima punta, che può anche abbassarsi a creare un 4-3-3. I due mediani del Napoli hanno due compiti ben distinti: Fabian Ruiz è il regista, André Frank Zambo Anguissa l’equilibratore. Lo stile di gioco punta molto sul possesso, gli scambi corti e malgrado si sviluppi molto sugli esterni non sfrutta quasi per nulla i cross (terzultimi in Serie A).

STATISTICHEIl Napoli è la prima squadra per possesso palla in Serie A, col 58,8% di possesso medio. Un possesso anche produttivo, visto che parliamo del quarto attacco del campionato con ventiquattro reti all’attivo. È anche la seconda squadra per tiri creati con 188 totali, 15,5 a gara. Ma il vero punto di forza è la difesa: gli azzurri sono la miglior difesa della Serie A con appena quattro reti al passivo. Due di queste sono arrivate nei primi 15 minuti. Il Napoli, vale la pena ricordarlo, non ha mai perso. Curiosamente la squadra è quartultima in A per km percorsi.

DETTAGLIKalidou Koulibaly è il leader della difesa del Napoli, ma il rendimento di Amir Rrahmani è la novità della stagione. Il kosovaro da titolare è diventato una risorsa affidabile per Spalletti. L’uomo al centro del gioco è senza alcun dubbio Fabian Ruiz. Lo spagnolo è primo per passaggi medi con 75,4, secondo per lanci lunghi dopo il portiere David Ospina, regista effettivo della squadra, terzo miglior marcatore con tre reti, terzo per occasioni create, secondo per assist effettivi, ma non fa mancare il suo contributo fisico. Infatti è secondo per km percorsi e primo per contrasti.

NUOVO INGRESSO – La metà in mediana di Fabian Ruiz è Zambo Anguissa, la sorpresa della stagione. Il suo impatto fisico con la Serie A è stato straordinario. Nel Napoli è primo per km percorsi, secondo per contrasti, ma attenzione a sottovalutarlo sulla qualità: primo per dribbling con 2,3 a gara. Il regista avanzato, dominatore della fase offensiva, è sempre Lorenzo Insigne. I suoi passaggi a gara sono 43,9, è primo per occasioni da gol e tiri (terzo in tutta la Serie A), secondo negli assist, secondo miglior marcatore con quattro gol, terzo in campionato per passaggi chiave. Il miglior marcatore con cinque reti è Victor Osimhen, quinto per tiri in Serie A, la prima punta che permette a Spalletti di avere peso in area e finalizzare.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button