Focus

Nandez piano A e B per l’Inter: ruolo da chiarire prima della trattativa

Nandez è entrato definitivamente nel mirino dell’Inter. Ma i nerazzurri dovranno schiarirsi le idee prima dell’affondo col Cagliari.

OBIETTIVO DICHIARATO – Quella tra Nahitan Nandez e l’Inter è una storia d’amore che ancora deve nascere, ma il cui compimento sembra ineluttabile a molti. Il centrocampista uruguaiano piace moltissimo a Giuseppe Marotta e Piero Ausilio, sin dal suo arrivo a Cagliari nell’estate 2019. E, per come si stanno evolvendo i discorsi tra i due club, sembra che solo il Covid-19 abbia rinviato discorsi più approfonditi già nell’estate 2020. Adesso però i due innamorati sembrano giunti al momento decisivo (vedi focus): il matrimonio si farà? I possibili impedimenti sembrano “solo” due.

DIFFICOLTÀ DOPPIA – Innanzitutto bisogna trovare la formula giusta per concludere la trattativa tra Cagliari e Inter. Nandez è con ogni probabilità il giocatore di maggior valore della rosa sarda, ma l’Inter non intende eseguire un’operazione di semplice esborso economico. Servirà quindi usare creatività, come ama ribadire Marotta dall’inizio della sessione (qui le sue parole). Fortunatamente i rapporti tra i due club sono ottimi, come dimostra l’affare Dalbert. La sensazione è che Radja Nainggolan possa giocare un ruolo chiave per sbloccare la trattativa. Che, in caso di conclusione positiva, porterebbe al secondo problema, stavolta di campo.

PIANO A – Sembra superfluo dirlo, ma è utile ricordare che Nandez è un centrocampista centrale. Per certi versi, è la versione uruguaiana (e maggiore di due anni) di Nicolò Barella, la cui maglia da titolare non sarà tuttavia in discussione. Un interno di centrocampo di grande, grandissima intensità, ma al tempo stesso dotato di ottima tecnica col pallone tra i piedi (nonostante sia in atto un revisionismo per descriverlo come un fabbro della mediana). All’Inter porterebbe quindi un po’ di respiro nella zona centrale del campo, dove è impensabile di richiedere ancora gli straordinari allo stesso Barella e a Marcelo Brozovic.

PIANO B – Al tempo stesso, Nandez all’Inter permette di attivare anche un eventuale piano B. Che tanti, troppi stanno sovrapponendo al piano A nelle ultime settimane. Spesso e volentieri, infatti, l’uruguaiano si è destreggiato molto bene sulla fascia destra, grazie ad un’ottima resistenza sulla distanza. Ma questo non lo rende un esterno destro. Non è quindi lui il sostituto di Achraf Hakimi, e sarebbe un errore considerarlo tale. Sicuramente può rivelarsi una buona alternativa anche in quella zona, ma è bene chiarire con precisione il suo ruolo in caso di arrivo all’Inter. Nandez è un eccellente interno di centrocampo, e un discreto esterno destro: e Simone Inzaghi in primis dovrebbe essere consapevole di questo.

Nandez-Inter, oggi prosegue la trattativa? Il puzzle da comporre

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button