FocusPrimo Piano

Nainggolan fa da tappo ai progetti della nuova Inter: danno economico non da poco

Nainggolan è il primo pensiero in cima alla lista dell’Inter alla voce esuberi da piazzare. Altro che fretta per Hakimi o altri. Il centrocampista belga continua a presenziare dannosamente nel bilancio aziendale pur senza fornire prestazioni sportive, essendo in prestito a Cagliari

TAGLI ANNUNCIATI – La rivoluzione interista è già iniziata. Le dichiarazioni del Presidente Steven Zhang confermano quello che è il progetto su cui il management, guidato dall’AD Sport Beppe Marotta, sta lavorando no-stop da giorni. La parola “tagli” forse non spiega benissimo la situazione ma è largamente usata per comodità. L’obiettivo è lasciarsi alle spalle tutte quelle spese che mandano in sofferenza il bilancio aziendale. Possibilmente, qualcuna, già entro il 30 giugno. Tra queste, senza alcun dubbio, i costi relativi agli esuberi. Uno su tutti, soprattutto se nelle prossime ore verrà definita la cessione a titolo definitivo di Joao Mario (vedi articolo). Occhi puntati su Radja Nainggolan, che a Milano questa volta non vorrà tornarci nemmeno per fingere di rimettersi a disposizione del nuovo tecnico. Il centrocampista belga da tempo ha scelto di rimanere a Cagliari, ma la società rossoblù ha intenzione di (ri)portare la trattative per le lunghe. Scelta comprensibile e legittima.

DANNO ECONOMICO – Le parole del Presidente Tommaso Giulini (vedi dichiarazioni) anticipano il gioco delle parti. Nainggolan non è una priorità temporale per il Cagliari ma per l’Inter sì. L’ammortamento nell’ultimo anno sotto contratto è superiore ai 9.5 milioni di euro, a cui va aggiunto l’ingaggio netto pari a 4.5 milioni (quasi 8.5 lordi, ndr). Ne risulta che Nainggolan “pesa” ancora circa 18 milioni per l’Inter. La riduzione dei costi, citata proprio da Zhang, parte dallo stop dell’Inter a provvedere a questo ingaggio fuori budget. L’aumento dei ricavi, invece, è ben più complicato: la plusvalenza su Nainggolan è praticamente impossibile. Servirà un’operazione che vada ben oltre il concetto di formula “creativa”. Oltre al rischio minusvalenza, infatti, c’è il serio rischio di scendere a “compromessi” attraverso una buonuscita. Economicamente meno pesante di quella riconosciuta ad Antonio Conte, ma strategicamente ben più dannosa per il bilancio. L’Inter si è già opposta a questa soluzione, ma anche due mensilità (luglio-agosto) prima di arrivare al 31 agosto hanno un costo extra. Quasi un milione e mezzo. Da qualsiasi punto di vista la si guardi, l’operazione Nainggolan lascerà altri strascichi nel bilancio nerazzurro. Almeno per altri dodici mesi. Come e quando finirà?

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh