Focus

Monte ingaggi Inter: come conciliare i tagli col mercato in entrata?

Il monte ingaggi dell’Inter 2021/22 ammontava a 75,1 milioni di euro netti. E la società nerazzurra punta a ridurlo del 10-15%. Ma come si raggiunge questo obiettivo, considerando la volontà di mantenere un alto livello di competitività?

OBIETTIVO AMBIZIOSO – Nella stagione appena conclusa, il monte ingaggi dell’Inter si attestava attorno ai 75 milioni di euro, calcolati al netto. Una quota che la proprietà mira a ridurre di circa 10-12 milioni. Ma come si può puntare a questo obiettivo, mantenendo inalterato il livello competitivo? Soprattutto considerando le trattative già intavolate da Beppe Marotta e colleghi. Solo gli acquisti di André Onana e Henrikh Mkhitaryan – gli unici “ufficiosi”, sebbene non ancora ufficiali – impatteranno per circa 8 milioni di euro in più a stagione sul totale degli stipendi. Vediamo quindi come conciliare sostenibilità, riduzione del monte ingaggi e competitività.

RIDUZIONE PARZIALE – In casa Inter vi è già una certezza: il monte ingaggi scenderà a 71,4 milioni per la stagione 2022/23. Questo considerando sia l’addio di Ivan Perisic, sia i contratti che non verranno rinnovati (Andrea Ranocchia, Matias Vecino e Aleksandar Kolarov sicuri). Ovviamente la riduzione è contenuta perché controbilanciata dagli aumenti di stipendio stipulati da alcuni giocatori nell’ultima stagione. Marcelo Brozovic passerà a 3,5 milioni l’anno a 6, così come Lautaro Martinez (che prima percepiva 2,5 milioni a stagione); l’ingaggio di Nicolò Barella raddoppia invece, da 2,5 a 5, mentre Federico Dimarco passerà dai 500mila euro attuali a 1,2 milioni circa.

Inter: come ridurre il monte ingaggi?

INCASTRI DA TROVARE – Se ai 71,4 milioni – monte ingaggi stimato per la stagione 2022/23 – si aggiungono circa 8 milioni tra Onana e Mkhritaryan, e anche i 12-13 che potrebbero servire per pagare Romelu Lukaku e Paulo Dybala il prossimo anno, si superano facilmente i 90 milioni. Come dicevamo prima, l’obiettivo della società è di portare questa cifra a circa 63-65 milioni di euro: bisogna quindi trovare il modo di risparmiare (almeno) 25 milioni di euro in stipendi. Impossibile? Niente affatto.

QUANTI ESUBERI – Cedendo a titolo definitivo Stefano Sensi, Andrea Pinamonti, Valentino Lazaro e Dalbert – tutti giocatori fuori dai piani di mister Simone Inzaghi – saltano fuori circa 6,5 milioni di euro in meno. Ovviamente non bastano, motivo per cui è necessario a liberarsi anche degli ingaggi di Alexis Sanchez e Arturo Vidal. Insieme all’addio dei due cileni, infatti, il risparmio sugli stipendi sale a 20,1 milioni di euro. Risparmio che sarebbe ad impatto zero dal lato della rosa, dato che parliamo di giocatori già fuori dal progetto o la cui sostituzione (almeno uno tra Lukaku e Dybala per il Nino, Mkhitaryan per Vidal) è già pianificata.

Inter, cedere un big esigenza falsa

OTTIMIZZAZIONE – Seguendo i calcoli descritti finora, il monte ingaggi potenziale scende a circa 70 milioni di euro. E trovare altri 5-7 milioni da risparmiare è meno complicato, ma soprattutto meno doloroso, di quanto dica certa narrativa sul calciomercato. Guardiamo infatti all’attacco: se arrivassero sia Dybala sia Lukaku, l’Inter potrebbe facilmente liberarsi anche di uno tra Edin Dzeko e Joaquin Correa. E gli indizi spingono più verso il 9 bosniaco, che guadagna 5 milioni di euro all’anno (contro i 3,8 del Tucu). Lo stesso discorso si può applicare anche alla difesa, dopo l’eventuale arrivo di Bremer dal Torino può compensare l’eventuale addio a Stefan de Vrij e al suo stipendio da 3,8 milioni annui.

EPILOGO DOVEROSO – Seguendo questo ragionamento, quindi, ridurre il monte ingaggi mantenendo il livello tecnico dell’Inter elevato sembra più che fattibile. Ma tra queste ipotesi e il loro concretizzarsi passano diverse cose. In primis riuscire a piazzare gli esuberi sopracitati, e in tempi rapidi. L’obiettivo di Marotta è di “chiudere” il mercato a inizio luglio, permettendo così a Inzaghi di lavorare con l’organico al completo fin dall’inizio del ritiro. Le prossime settimane saranno quindi decisive per chiudere tutte le trattative, in entrata e in uscita, evitando a squadra e tifosi due mesi di angoscia e dubbi.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Cambia le impostazioni della privacy
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh