Focus

Il Milan di Pioli ha certezze solide e sa cambiare di partita in partita

Il Milan di Pioli è una delle migliori squadre in Serie A, non solo per la classifica. Il modulo di riferimento è il 4-2-3-1, ma lo sviluppo è molto fluido e distribuisce i suoi gol in tutta la rosa.

TATTICAIl modulo di riferimento del Milan di Stefano Pioli è, ormai da quasi tre anni, il 4-2-3-1. Ma attenzione: questa definizione vale solo sulla carta. Il tecnico soprattutto in questa stagione sta variando molto lo sviluppo tattico di partita in partita. Modificando lo stile di impostazione e i movimenti praticamente di tutti i reparti. Si è vista la difesa a tre con un terzino a salire o con un centrocampista a scalare tra i centrali, i due mediani in verticale tra loro, i terzini a tagliare in area avversaria. Molte soluzioni, alcune studiate per le singole partite. E anche la capacità di andare oltre le assenze ruotando tutta la rosa è da sottolineare. Il Milan tende a controllare il gioco: col 54,3% di possesso è sesto in Serie A appena dietro alla Lazio.

STATISTICHEIl Milan è il secondo miglior attacco della Serie A (25 gol dietro all’Inter) e la seconda miglior difesa con 10 gol subiti (dietro al Napoli). Ben 8 dei gol segnati sono arrivati negli ultimi quindici minuti. I marcatori diversi in stagione sono 11, a testimonianza di un attacco vario senza un unico riferimento preciso. Molti i cross prodotti dai rossoneri: quarti per cross utili e quinti per quelli sbagliati. Poche le ammonizioni: con 22 gialli gli uomini di Pioli sono quartultimi in Serie A.

DETTAGLIFikayo Tomori nell’ultimo anno è il nuovo centrale titolare, un riferimento fondamentale per fisicità e aggressività nel reparto, ma anche nell’impostazione bassa. Infatti è primo per passaggi medi a gara con 50,9. Davide Calabria sulla destra è cresciuto di anno in anno: non solo è solido in difesa, è terzo per passaggi medi, primo per km percorsi e ha all’attivo un assist e 2 reti. Sandro Tonali è la novità in mediana di questa stagione per Pioli: secondo centrocampista per passaggi medi, secondo assoluto per km percorsi è un elemento fondamentale per aggressività e capacità di coprire il campo e ha trovato anche due reti. Rafael Leao in attacco sta crescendo e con le sue qualità è l’arma di fantasia per trovare le giocate: primo per dribling in squadra, per tiri, primo per occasioni da gol e miglior marcatore con 4 reti.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button