L’Inter di Conte punta sulla fase offensiva e non intende fermarsi

Articolo di
1 Ottobre 2020, 09:51
Antonio Conte Brescia-Inter Antonio Conte Brescia-Inter
Condividi questo articolo

Conte nella sua prima stagione all’Inter ha portato una svolta netta nella fase offensiva della squadra. L’inizio del 2020-2021 conferma l’idea tecnica.

SVOLTA IN ATTACCO – Conte nella sua prima stagione all’Inter ha portato una svolta netta nella fase offensiva della squadra. Un tecnico etichettato come difensivo anche all’estremo, fino al catenacciaro, ha creato nei mesi una squadra dinamica, moderna, molto più portata ad attaccare che a difendere. Nelle prime partite della stagione 2020-2021 il trend tecnico è confermato, anzi forse persino accentuato.

NUMERI DA RECORD – Partiamo da un recap. Nel 2019-2020 l’Inter ha chiuso come secondo miglior attacco in A con 81 gol realizzati. Un bel salto rispetto ai 57 del 2018-2019. Anche i 18 marcatori diversi sono un numero impressionante, che dimostra come la squadra abbia una certa varietà nel concludere la sua manovra. Comprendendo le coppe i nerazzurri hanno realizzato 113 gol in 54 partite. Un record per la società da quando esiste la Serie A a girone unico.

TRAZIONE OFFENSIVA – Le prime due giornate della Serie A 2020-2021 come dicevamo dimostrano che Conte non ha cambiato idea. E anzi ci punta sempre di più. Con Fiorentina e Benevento i nerazzurri hanno realizzato 9 reti, il che li rende attualmente il miglior attacco. La squadra è seconda per tiri totali, prima per quelli in porta, prima per assist, seconda per cross e prima per possesso palla e per tempo di possesso, sia totale che nella metà campo avversaria. I nerazzurri viaggiano a trazione offensiva, e non intendono fermarsi.



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE