Focus

Kolarov e Dimarco, una sinergia da sfruttare per far crescere l’italiano

Il rinnovo di Kolarov può essere singolarmente utile per Dimarco. I due infatti hanno caratteristiche simili: il serbo può fare da maestro.

RINNOVO UTILE – C’è un lato positivo sul rinnovo di Kolarov. Il serbo è sicuramente un giocatore esperto, che ne ha viste di ogni e conosce alla perfezione tutti i ruoli sulla metà sinistra del campo. Deve dimostrare di poter dare di più, ma questo è un altro discorso. La sua duttilità, le sue nozioni tattiche, possono risultare singolarmente utili per far crescere un giovane di ritorno in maglia Inter. Parliamo di Federico Dimarco (si scrive così, tutto attaccato, fateci attenzione vi prego).

MENTORE IDEALE – I due hanno delle doti in comune. Mancini, giocatori di fascia, con capacità balistiche rare per precisione e potenza. Con una predilezione nel gestire il gioco anche dall’esterno (Kolarov anche nella scorsa stagione è stato spesso un regista aggiunto). Capaci di giocare da terzini a quattro, come esterni a tutta fascia e a sinistra nella difesa a tre. Un perfetto caso di chioccia e pulcino. Maestro e allievo.

OCCASIONE DA SFRUTTARE – Quantomeno nel ritiro estivo i due saranno a stretto contatto. E in quell’occasione Dimarco dovrà sfruttare ogni momento. Il prodotto delle giovanili viene da un anno e mezzo in maglia Hellas Verona. Un’esperienza produttiva, che lo ha finalmente visto mettere a frutto il suo talento. Imparando molto anche tatticamente. La scuola Kolarov rappresenta la specializzazione ulteriore. Un master. Per cercare di prendersi l’Inter.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button