Karamoh si è preso l’Inter, Joao Mario ancora no: ultimo dubbio per Spalletti

Articolo di
17 agosto 2018, 23:01
Joao Mario Karamoh

Karamoh e Joao Mario in queste ultime ore hanno tenuto in apprensione più i progetti di Spalletti che i sogni dei tifosi dell’Inter: il francese è rimasto a Milano, mentre il futuro del portoghese è ancora in dubbio

KARAMOH E JOAO MARIO – Il mercato dell’Inter si è chiuso senza botti nell’ultima giornata (QUI il riepilogo di tutte le operazioni, ndr), a parte le uscite preannunciate, in partire i classe ’99 Xian Emmers e Andrea Pinamonti. A restare a Milano, tra gli altri, anche Yann Karamoh e Joao Mario. Ma se il primo ha rifiutato il prestito al Parma per giocarsi le sue carte all’Inter, il secondo è ancora in bilico: il centrocampista portoghese potrebbe lanciare Appiano Gentile per un’altra avventura all’estero (Inghilterra esclusa), essendo il mercato aperto altrove fino a fine mese. In teoria a partire potrebbe essere ancora anche Antonio Candreva, ma questa ipotesi al momento sembra piuttosto scemata e poco credibile dopo il perentorio – e ripetuto – no al Monaco.

DUBBIO DI SPALLETTI – La permanenza di Karamoh è senza dubbio una buona notizia per Luciano Spalletti, che potrà utilizzare il classe ’98 francese sia come ala sia come falso nove, anche se il reparto offensivo dell’Inter quest’anno è talmente fornito che difficilmente troverà molto spazio, se non a partita in corso e nel turnover. Il grande dubbio di Spalletti, però, si chiama Joao Mario: se – a sorpresa (visto che è ancora “sul mercato”) – resta, dovrà recuperarlo per farlo rendere per quello che è stato pagato e dovrebbe valere. E Joao Mario sulla carta oggi è l’unico centrocampista capace di sostituire tutti gli altri, quindi andrebbe inquadrato tatticamente: non trequartista né ala, può essere il mediano di qualità richiesto a gran voce da Spalletti e non ottenuto? Chissà. La speranza (di Spalletti) c’è, la voglia (di Joao Mario) è tutta da scoprire.






ALTRE NOTIZIE