FocusPrimo Piano

Inter, voragine sulla sinistra: ora Conte è obbligato a provare il piano K

L’Inter ha una lacuna nell’undici titolare che è più allarmante di tutte le altre tra campo e panchina. Si tratta del titolare sulla fascia sinistra, posizione fin troppo sottovalutata ma in teoria fondamentale per il calcio proposto da Conte. Che adesso deve sfogliare la margherita e proporre il piano… K

EQUIVOCO MANCINO – Se il piano A non funziona, proviamo il piano B. Oppure il piano C. Avrà pensato questo Antonio Conte dopo aver analizzato le prestazioni della sua Inter sulla fascia sinistra. L’equilibrio che dovrebbe garantire la prima scelta, Ashley Young, nella versione 2020/21 non sta dando frutti. Anzi, detto con la massima sincerità, sta deludendo come nessun altro. Bocciato. L’esperimento Ivan Perisic esterno a tutta fascia va a corrente alternata. Si tratta dell’approccio più offensivo possibile ma le garanzie nel complesso sono poche. Ieri è stato il turno di Matteo Darmian, riproposto a sinistra con risultati non eccellenti. Tanti piedi destri che lavorano più di quantità che di qualità. Le opzioni che può ancora testare Conte sono infinite. O quasi.

ALTERNATIVE FORZATE – Una volta recuperato dal punto di vista atletico post-infortunio, il piano D è Danilo D’Ambrosio, da utilizzare a sinistra anziché a destra come nella seconda parte della stagione passata. Il piano E può essere l’utilizzo di Achraf Hakimi a sinistra, ruolo in cui ha già giocato, soprattutto con la Nazionale Marocchina. Il piano F sarà l’esterno sinistro della Primavera promosso in Prima Squadra. E i piano G, H, I e J i più disparati, dall’adattamento furi ruolo di qualche altro profilo e addirittura il cambio modulo. Si arriva così al piano K, finora volutamente ignorato. E c’entrano poco le ottime prestazioni di Alessandro Bastoni in difesa. Tutt’altro.

PIANO K – Il piano K della fascia sinistra dell’Inter si chiama Aleksandar Kolarov. Lo abbiamo detto e scritto tempo fa (vedi focus), in attesa che Conte faccia uno strappo alla regola auto-imposta. Il classe ’85 serbo è stato preso per agire da terzo di sinistra in difesa e, come dimostrato ieri (vedi analisi tattica di Juventus-Inter), in alcuni frangenti può farlo benissimo. Ma è anche il miglior mancino che l’Inter ha in rosa e, per quello che serve sulla fascia sinistra, Conte deve iniziare a ragionare sul suo utilizzo in quel ruolo. Magari non contro la Lazio e il Milan, subito dopo sì però. Kolarov esterno sinistro a tutta fascia, bilanciando la spinta di Hakimi sulla destra, può essere l’opzione in grado di far svoltare la stagione dell’Inter. Anche solo per 30, 45 o 60 minuti di gara.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh